L’emergenza #rifiuti nella capitale continua ad avere una forte cassa di risonanza. L’ultimo tassello della vicenda, è stato infatti aggiunto ieri sera nella trasmissione Porta a Porta ove, il primo cittadino di #Roma Virginia #Raggi, in quota Movimento 5 Stelle, ha proposto la soluzione che, a suo modo di vedere, è quella più rapida ed adatta per ridurre il problema rifiuti.

La soluzione

Secondo la Raggi, la Regione Lazio deve sbloccare “tutte le richieste di autorizzazione fatte da più di 10 mesi. La Rida Ambiente di Aprilia, società di smaltimento dei rifiuti, con una lettera di oggi dice che a distanza di 10 mesi la Regione Lazio non ha ancora autorizzato l’apertura di un nuovo impianto”.

Pubblicità
Pubblicità

La Raggi ha inoltre rincarato la dose: “Continuano a giocare con il fatto che noi nel territorio di Roma non vogliamo nuove discariche. C’è già una discarica anche a Colleferro: la Regione deve solo rispondere”. A proposito del confronto con la Regione Lazio, recente era stato lo scontro sulle competenze. Il Sindaco di Roma, infatti, aveva dichiarato che sui rifiuti “il Lazio è sottodimensionato, lo dice il Governo. Zingaretti ne prenda atto e lavori: impiantistica è sua competenza”. Dalla Pisana, però, era arrivata una risposta secca: l’impiantistica è competenza del Comune, mentre la Regione ha solo il compito di autorizzare gli impianti proposti dal Comune di Roma.

Reazioni

Dalle parti di Aprilia, nel frattempo, cominciano ad esserci le prime reazioni politiche alla proposta di Virginia Raggi.

Pubblicità

Il Comitato Aprilia Possibile, ad esempio, dalla sua pagina Facebook ufficiale, ha così dichiarato: “Secondo Virginia Raggi e il M5S il problema dei rifiuti di Roma si risolve così: aprendo la discarica ad Aprilia. Non ce lo saremmo mai aspettati. Noi di Aprilia Possibile ci batteremo con tutte le nostre forze affinché questa ennesima vergogna sulla pelle della salute degli apriliani non avvenga. E chiederemo a tutti i cittadini di aiutarci. Perché siamo dalla loro parte, dalla nostra parte”. Risposta simile è giunta dal Partito Democratico della città: “Per la Sindaca Raggi la Regione deve subito autorizzare la discarica di La Gogna come richiesto dalla società RI.DA, il tutto per consentire al Comune di Roma di smaltire i suoi rifiuti. Questa è l’idea di governo del M5S. Senza parole.” Già in passato, il sito di La Gogna era stato soggetto a numerose critiche. Il Comune, infatti, aveva già fatto notare che tale progetto è in contrasto con il Piano di Assetto Idrogeologico Regionale.

Pubblicità

È pur vero, comunque, che la Regione Lazio ha ricevuto la proposta di realizzare la discarica, ma al momento non è dato sapere se la risposta sarà positiva oppure no.

Insomma, la situazione rifiuti continua a rappresentare una bella spina nel fianco per la città di Roma, ma anche per i comuni distanti pochi chilometri. Resta pur vero, però, che più si andrà avanti senza trovare una soluzione e più la vivibilità per le persone che vivono nelle aree interessate sarà difficile. È necessario, dunque, che enti locali e Regioni trovino una quadra il prima possibile.