Grazie allo studio del #Dna degli esseri viventi si può risalire alle caratteristiche non solo genetiche, ma temporali di qualunque specie. Secondo uno studio recente, è stato appurato che i #gatti hanno 9000 anni. La loro diffusione è stata ricostruita grazie al materiale genetico che ha dimostrato come i gatti abbiano accompagnato le vicende umane fin dai primordi delle civiltà antiche.

Tale studio è stato condotto su 200 gatti vissuti negli ultimi 9000 anni. Ciò significa che i gatti si sono dimostrati 'felini fedeli' a partire dal periodo del Mesolitico, fino all'antico Egitto e giungendo al Medioevo.

I gatti imperatori

L'immagine dei gatti come teneri animaletti da coccolare non vale più.

Pubblicità
Pubblicità

I gatti sono stati i veri e propri dominatori del mondo. Lo dimostra una ricerca pubblicata sulla rivista Nature Ecology and Evolution, che è stata coordinata dalla genetista Eva-Maria Geigl, del Centro nazionale della ricerca scientifica francese (Cnrs). A tale studio ha contribuito anche l'Italia, grazie alla collaborazione del ricercatore Claudio Ottoni, che lavora presso l'Università di Lovanio in Belgio.

Uno studio dettagliato

La notizia che i gatti siano stati fedeli alleati degli egizi non è una novità, dato che a loro sono dedicate alcune sculture egizie di non poca rilevanza. Ma la scienza ha confermato la presenza incontrastata della specie felina da più di 9000 mila anni. La ricerca non si basa solo su rappresentazioni iconografiche, bensì su un'analisi dettagliata del Dna felino. é infatti stato analizzato materiale genetico di resti di gatti che sono stati rinvenuti nei siti archeologici, comprese mummie di gatti dell'antico Egitto e Dna di gatti selvatici africani moderni. I risultati hanno dimostrato che l'attuale gatto domestico discende dalla stirpe del gatto selvatico africano (denominato anche Felis Slvestris Lybica).

Pubblicità

Inoltre è stato scoperto che il legame che si è instaurato tra felini ed esseri umani è avvenuto circa 10 mila anni fa, presso la Mezzaluna Fertile. I gatti rappresentavano infatti un valido sostegno per gli agricoltori, dato che i felini tenevano lontani i roditori dai cereali raccolti. Nel passaggio dalla sedentarietà ai primi spostamenti, i gatti hanno accompagnato i viaggiatori nelle loro rotte commerciali. In tal caso venivano infatti utilizzati come cacciatori di topi nelle prime navi commerciali egizie. I gatti si sono spostati poi in varie parti del mondo fino all'Asia meridionale, Africa ed Egitto.