Sembrano vicine delle novità  importanti per il discorso relativo agli sconti obbligatori sulla Rc auto, motivo di controversia tra assicurazioni e consumatori. Il meccanismo di sconto dovrebbe essere automatico, fissato in una percentuale determinata dall'#IVASS sulla base del prezzo delle polizze a seguito di determinate condizioni, come ad esempio, l'installazione della scatola nera sull'autovettura. Un emendamento presentato in Commissione Industria al Senato intende fare chiarezza sugli articoli 3 e 7 del provvedimento. La proposta, indirizzata all'Ivass, vuole che vengano fissate modalità  e criteri ben definiti nel processo di costruzione delle tariffe che permettano alle compagnie assicurative di intervenire celermente sugli sconti da applicare e che lo sconto sia maggiore nel caso coinvolga gli automobilisti virtuosi (quelli che nei quattro anni precedenti non siano stati coinvolti in sinistri) delle province più care sul territorio italiano.

Pubblicità
Pubblicità

Gli sconti dovranno essere ben visibili sia in fase di preventivo che di contratto e valorizzati in valore assoluto e in percentuale rispetto al prezzo di listino della polizza. L'Ivass avrà  anche il ruolo di supervisore del mercato e di vigilanza sul corretto rispetto delle regole. Le sanzioni previste per una non corretta applicazione delle regole da parte delle compagnie assicurative saranno  il pagamento di multe salate comprese tra i 10 e gli 80 mila euro e naturalmente il conseguente sconto automatico sui premi assicurativi. Sempre l'Ivass dovrà fornire una lista, da aggiornare ogni due anni, delle province italiane con maggiore incidenza di sinistri e con prezzo medio più elevato. L'intervento, dettato dagli emendamenti presentati, intende evitare pertanto la politica degli sconti minimi e tutelare il mercato dei consumatori puntando sull'eterogeneità delle offerte.

Pubblicità

Inoltre, va considerato l'obbligo in capo alle compagnie assicurative, di praticare sconti significativi nel caso in cui il contratto preveda la sottoscrizione di clausole antifrode. L'intervento, atto a rendere più efficace il testo del disegno di legge, vuole inserire condizioni più favorevoli per gli automobilisti residenti nelle province più critiche e intende ridurre da 5 a 4 anni, il periodo  di tempo da considerare per quei clienti da ritenere virtuosi perchè non coinvolti in alcun sinistro. #polizze assicurative