#santeramo in colle vive con grande enfasi e partecipazione questa campagna elettorale per le amministrative 2017. Al primo turno elettorale si sono sfidati ben 6 candidati sindaci: Franco Nuzzi del centrodestra, #fabrizio baldassarre del #movimento 5 stelle, Michele D'Ambrosio di Sinistra italiana e liste civiche di centrosinistra, Michele Larato del Partito Democratico e di altre liste civiche del centrosinistra, Giovanni Riviello di Noi con Salvini e Michele Laquale di Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale. E' stata una campagna elettorale molto interessante, coinvolgente ed entusiasmante anche per la presenza di numerosi big della politica nazionale che hanno supportato i vari candidati sindaci: dall'ex Governatore della Puglia Raffaele Fitto al braccio destro dell'ex premier Silvio Berlusconi, Maurizio Gasparri, fino al leader della Lega Nord Matteo Salvini.

Pubblicità
Pubblicità

I risultati del primo turno

Il primo turno elettorale ha tenuto sul fiato sospeso 4 candidati sindaci fino al pomeriggio inoltrato del 12 giugno. E' stata una battaglia fino all'ultimo voto. Franco Nuzzi, sostenuto da sei partiti, ha ottenuto 3492 voti (il 22,04%). Al secondo posto Fabrizio Baldassarre, sostenuto solo dal M5S di Beppe Grillo, con 3469 voti (il 21,89%). Al terzo posto il sindaco uscente del centrosinistra Michele D'Ambrosio con 3285 (il 20,74%) e quarto Camillo Larato del PD con 3070 voti (19,39%). Chiudono la top 6 Giovanni Riviello di Noi con Salvini con 1455 voti (9,18%) e Michele Laquale con 1071 voti (6,76%). Nuzzi ha avuto la meglio sul secondo classificato, Baldassarre, per una manciata di voti: soltanto 23. E tra il primo e il terzo candidato sindaco c'è stata una differenza davvero minima: 207 voti.

Pubblicità

Un primo turno da cardiopalma!

L'attesissimo ballottaggio

La sfida diventa sempre più avvincente con il ballottaggio di domenica 25 giugno. Chi sarà il nuovo sindaco di Santeramo in Colle? Franco Nuzzi o Fabrizio Baldassarre? In tutto ciò un ruolo sicuramente importante lo svolgeranno gli altri candidati sindaci esclusi dal secondo turno: D'Ambrosio, Larato, Riviello e Laquale (gli ultimi due sia se vince il centrodestra sia se vince il M5S non siederanno sui banchi dell'opposizione). Nel paese dei salotti Divani & Divani di Pasquale Natuzzi, della carne di cavallo e dei pittori Francesco Netti e Bartolomeo Paradiso c'è grande fermento per diversi motivi. Nuzzi e Baldassarre sono due persone molto apprezzate e stimate: il primo è stato dirigente scolastico della scuola Hero Paradiso mentre il secondo è professore di Economia e Gestione delle Imprese all'Università di Bari.

A livello nazionale il M5S ha subìto una brusca frenata alle elezioni amministrative 2017. Per la prima volta il M5S è presente alle elezioni comunali a Santeramo ed è riuscito subito a strappare il ballottaggio al sindaco uscente Michele D'Ambrosio.

Pubblicità

In tutta Italia sono soltanto 10 i comuni in cui c'è un candidato sindaco del Movimento Cinque Stelle al ballottaggio: oltre Santeramo, Canosa di Puglia, Mottola, Asti, Fabriano, Carrara, Ardea, Guidonia, Acqui Terme e Scordia.

In questi ultimi giorni di campagna elettorale in vista del decisivo ballottaggio ci saranno nuovi big della politica nazionale a Santeramo. I due candidati sindaci Nuzzi e Baldassarre, dopo aver condotto una campagna per il primo turno basata principalmente sui programmi e sulle idee senza utilizzare toni aggressivi e alti, sono ormai al rush finale e sono davvero tanti i fattori che potrebbero influenzare l'esito del voto.