Il Tribunale di Bari ha condannato tre fasanesi per spaccio e commercio di #droga da Bari a Fasano. Le condanne sono arrivate dopo dieci anni e, nonostante lo sconto di pena derivante dalla scelta di rito abbreviato, sono state pesanti e lunghe, in particolare per Giovanni Gallo di otto anni. La sentenza invece è stata emessa il 7 giugno scorso.

La sede dello spaccio

Secondo quanto accertato dalla Guardia di Finanza la centrale di spaccio aveva sede a Bari, in un garage presso il quartiere di Poggiofranco. Gallo era, secondo le indagini del Pubblico Ministero, acquirente di sostanze stupefacenti del tipo hashish e attivo per lo spaccio nel territorio di Fasano.

Pubblicità
Pubblicità

L'indagine

Il gruppo di spacciatori era costituito principalmente da cinque persone. La Guardia di Finanza e la magistratura barese hanno monitorato l'attività degli spacciatori tra il 2006 e il 2007 e durante l'indagine sono state trovate consistenti quantità di droghe. Nel 2006, infatti, fu bloccato un 19enne fasanese che trasportava un chilo di hashish. Quel giorno il giovane cercò di fuggire in tutti modi alle auto della Finanza ma a causa della sua alta velocità l'auto finì fuori dalla statale 16 e il ragazzo fu arrestato dai finanzieri.

Il commercio di droga

Il traffico di droga è una delle principali fonti di entrata di tutte le organizzazioni criminali. Il Pakistan è il paese con il maggior numero di eroinomani, mentre gli USA di cocainomani, una forma di droga che sta conquistando tutta l'Europa e il resto del mondo.

Pubblicità

La coltivazione della droga poi è particolarmente dannosa perché erode il suolo e provoca la distruzione di vaste aree forestali per trovare nuovi terreni da coltivare. In alcuni casi la droga genera vere e proprie guerre tra i diversi gruppi criminali. Per combattere la diffusione di queste sostanze bisognerebbe collaborare a livello internazionale e studiare i problemi che stanno alla base del loro consumo.

Principali effetti della droga

Le droghe, in base agli effetti farmacologici, possiamo distinguerle in droghe deprimenti, stimolanti e allucinogene. Queste sostanze sono un vero e proprio attentato alla vita perché distruggono sia l'organismo che il sistema nervoso. In particolare agendo sui neuro-trasmettitori, alterano la trasmissione degli impulsi nervosi, determinando la perdita della capacità di reagire agli stimoli, sdoppiamento della personalità e alterazioni mentali. Molte volte si assume questo tipo di sostanza senza avere idea degli effetti che provoca. Ma anche la droga al pari di un'epidemia può essere sconfitta. #condanna #Cronaca Bari