Milano, 19 maggio 2016 – I nuovi modelli di informazione digitale non sono solo nati negli USA. Questa volta la sveglia non arriva da Facebook, da Twitter, o dal sempre più rivoluzionario Washington Post capitanato da Jeff Bezos: a lanciare la nuova rivoluzione della distribuzione dei contenuti ci ha pensato Blasting News, la principale piattaforma globale di social journalism. Uffici a New York e San Paolo, ma headquarter nel Vecchio Continente, direttamente nel cuore di Londra.

Pubblicità

Blasting News ha presentato oggi il nuovo programma Social Blaster, pensato e progettato per mettere insieme i migliori giornalisti e autori di contenuti provenienti da tutto il mondo con i più esperti digital e social influencer in grado di generare buzz e viralità attorno a contenuti di particolare interesse.

Pubblicità

I Social Blaster avranno l’opportunità di scegliere i migliori contenuti editoriali pubblicati su Blasting News (tra gli oltre 15,000 articoli originali pubblicati ogni mese in 34 Paesi, 25 lingue e più di 500 argomenti differenti) e di condividerli sui propri #social network, guadagnando.

L’obiettivo è rivoluzionare il modo in cui i contenuti viaggiano in rete, facendo leva sulla tecnologia proprietaria di Blasting News, focalizzandosi sull’engagement e su lettori in target e condividendo i profitti generati con tutte le parti coinvolte: i Social Blaster riceveranno un compenso per la loro attività di condivisione, invece gli autori degli articoli scelti una fee relativa al copyright del testo prodotto.

Si tratta esattamente di un modello win-win – ha spiegato durante la conferenza stampa di presentazione a Londra Andrea Manfredi, CEO di Blasting NewsFondamentale nel mondo del giornalismo moderno, oltre alla qualità dei contenuti, è il livello di coinvolgimento suscitato nei lettori.

Pubblicità

I publisher tradizionali stanno ancora proponendo lo stesso contenuto a tante persone diverse. Oggi ci sono tecnologia e sistemi che aiutano a fare meglio. Con questa rivoluzione abbiamo voluto introdurre più qualità e meritocrazia, coniugandole con una nuova opportunità di guadagno per giornalisti, scrittori e per chi ha investito nel tempo sui social media diventando un punto di riferimento nel suo settore”.

Grazie a questo nuovo programma, Blasting News ha realizzato la prima community globale di digital influencer 2.0, valorizzando tutti coloro che negli anni hanno costruito community di follower. “Grazie a questa nuova community, Blasting News aumenterà ulteriormente la sua capacità di condividere notizie con audience sempre più mirate e coinvolte. Istituzioni e aziende ameranno questa novità: abbiamo annunciato una versione beta qualche settimana fa e stiamo già ricevendo segnali di forte interesse da parte di vari brand per condividere i loro migliori contenuti nativi con le audience più in target. Questa community renderà possibile una nuova forma di advertising, più potente e affidabile” continua Andrea Manfredi..

Pubblicità

Per prevenire l’utilizzo inappropriato di questa piattaforma, il programma sarà accessibile solo alle persone realmente appassionate ed esperte del mondo dei social media e ad agenzie web di comprovata esperienza nel settore. Ogni candidato dovrà fare richiesta di partecipazione al programma, Blasting News valuterà ogni candidatura per assicurarsi siano presenti le competenze necessarie per far parte della community.

Sarà un’importante opportunità per tutte quelle persone che possiedono o gestiscono account Facebook molto seguiti, fan page o gruppi. Saranno però presenti severe limitazioni: amiamo la condivisione, ma odiamo lo spam. Richiederemo alla community di attenersi a una rigida policy anti-spam. Chiunque non rispetti le regole, verrà estromesso. Non è prevista nessuna tolleranza nei confronti dello spam” afferma il CEO di Blasting News.

La candidatura al programma Social Blaster può essere inviata seguendo le indicazioni al seguente link: http://it.blastingnews.com/social-blaster/ - Importante aggiungere più informazioni possibili riguardo gli account sui social media e caricare il proprio curriculum vitae.