La notizia riguarda l'assessore alla #Scuola del comune di Castenaso, in provincia di Bologna, all'interno della giunta di Stefano Sermenghi: il fatto è che non si tratta di un assessore 'qualunque', visto che all'anagrafe si legge Benedetta Renzi, sorella del Presidente del Consiglio.

Ieri l'annuncio su Facebook in merito ad una pausa di riflessione dal noto social network e da tutte le discussioni che vengono fatte in Rete, una decisione presa soprattutto alla luce di quanto viene detto nei suoi confronti e, soprattutto, nei confronti del ben più famoso fratello.

Scuola news 14 maggio: Benedetta Renzi, sorella del Presidente del Consiglio, lascia Facebook

'Notizie infondate, castelli di sabbia costruiti sul niente' li ha definite così i contenuti che si possono leggere sul suo conto e 'credo di essere un po' full' di tutto questo: insomma, ci voleva un break, una pausa di riflessione.

Pubblicità
Pubblicità

Probabilmente la goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato quel 'mi piace' messo sul post della responsabile scuola del Partito Democratico, l'onorevole Francesca Puglisi nel quale venivano criticate le dichiarazioni del sindaco Virginio Merola in merito al fatto che il Presidente del Consiglio, #Matteo Renzi si sarebbe circondato di 'yesmen'.

La sorella di Matteo Renzi: 'Voglio un po' di libertà, notizie infondate e castelli di sabbia sul niente'

'Sento il bisogno di cercare di recuperare un po' di libertà - ha scritto Benedetta Renzi, evidentemente provata dalle insinuazioni mosse nei suoi riguardi. L'assessore alla scuola del comune di Castenaso si è comunque rammaricata del fatto di non poter restare aggiornata tempestivamente su come stanno i suoi amici lontani e di non ricevere subito le news riguardanti gli eventi belli che riguardano la sua città e gli altri Paesi. Almeno per il momento, quindi, Benedetta Renzi ha detto addio a Facebook. Il breve post si conclude con un messaggio rivolto a chi la conosce: 'Chi mi conosce davvero - sottolinea la sorella del Premier - troverà altri metodi per comunicare con me'.

Pubblicità

#Cronaca Bologna