Prenotare un test per l'HIV e l'epatite C con una mail, rapidamente e nel pieno rispetto della privacy. È questa la novità offerta dal #blq checkpoint di #Bologna, struttura dedicata alla prevenzione e al controllo dell'HIV e di altre infezioni a trasmissione sessuale.

Il BLQ Checkpoint

Il centro, sito in via San Carlo 42/C, è il primo in Italia dove il test per l'HIV viene offerto al di fuori dell'ospedale. È stato creato da PLUS - un network di persone LGBT sieropositive - in collaborazione con il Comune di Bologna, l'ASL e la Clinica di malattie infettive dell'ospedale Sant'Orsola. L'obiettivo del BLQ Checkpoint è quello di abbassare il tasso di ritardo della diagnosi per l'infezione da HIV.

Pubblicità
Pubblicità

Le modalità

La struttura, sviluppata su un modello già esistente in diverse capitali europee, è attiva dal settembre del 2015. Fino a ora era possibile prenotare il proprio test per via telefonica, contattando il numero 051/4211857 durante gli orari di apertura (martedì e giovedì dalle 18 alle 21). A partire da oggi, la prenotazione sarà effettuabile via mail, scrivendo all'indirizzo prenota@blqcheckpoint.it. Il test per l'HIV è a prelievo capillare (una punturina sul dito), mentre quello per l'HCV (Epatite C) è salivare. Ai fini della validità del risultato, è importante non mangiare, bere bibite, fumare, masticare chewing gum o usare dentifricio nei venti minuti precedenti al test. Queste limitazioni alimentari riguardano solo il test salivare per l'HVC. Per quanto riguarda il #test hiv non ci sono restrizioni, a parte considerare il periodo finestra di un mese (ovvero il lasso di tempo necessario alla formazione degli anticorpi anti-HIV).

Pubblicità

I risultati

In caso di esito negativo, si è invitati a tornare per un monitoraggio nell'arco di tre, sei o dodici mesi, a seconda del proprio comportamento sessuale; in caso di risultato reattivo, già il giorno seguente la persona può recarsi presso la Clinica di malattie infettive dell'ospedale Sant'Orsola, per eseguire il test di conferma. È opportuno ricordare come l'HIV sia un virus a trasmissione sessuale, e come questa sia la modalità d'infezione più diffusa; pertanto tutti i rapporti sessuali non protetti sono potenzialmente a rischio. Praticare il sesso sicuro è una scelta che può salvare la vita.