Un barista di Budrio, il 45enne Davide Fabbri, è stato ucciso nel suo locale da un uomo che tentava di mettere a segno una rapina. L'assassino, dopo aver ucciso Fabbri, si è dileguato ed ora è ricercato. Nel bar c'erano anche diversi avventori e la moglie della vittima. Il killer, secondo una prima ricostruzione, indossava una tuta mimetica e portava con sé una pistola e un fucile. Davide aveva cercato di disarmare l'uomo ma è stato raggiunto da un colpo di pistola al petto ed è deceduto. Alcuni clienti sono rimasti feriti. Forse avevano preso parte alla colluttazione.

Incredulo anche il sindaco Giulio Pierini

Un delinquente ha ucciso un uomo che stava lavorando.

Pubblicità
Pubblicità

E' successo ancora in Italia. E' successo ieri a Budrio, comune in provincia di Bologna. Ora le forze dell'ordine sono impegnate nella ricerca dell'assassino di Davide Fabbri, il barista ucciso davanti agli occhi della moglie e di diversi clienti. Sembra che il criminale, prima di scappare a piedi, abbia puntato il fucile contro la donna. Sul luogo della tragedia è arrivato nelle ultime ore anche Marco Forte, il pm di turno. Sgomento anche il sindaco Giulio Pierini, che ha stigmatizzato la vicenda ed ha espresso le sue più sentite condoglianze alla moglie e ai parenti di Davide Fabbri. L'unica colpa di quest'ultimo è stata quella di aver reagito a un tentativo di rapina. L'episodio ha sollevato già molte polemiche. Il leghista Calderoli, ad esempio, ha sottolineato la necessità di rivedere la normativa sulla legittima difesa.

Pubblicità

Un colpo mortale al petto

In base alle prime testimonianze, ieri sera, verso le 21.30, una persona con una mimetica e col viso coperto è entrata nel bar di Fabbri ed ha chiesto del denaro, Il titolare del locale ha cercato subito di disarmarlo e, durante una furente colluttazione, sono partiti diversi colpi dal fucile, che hanno lambito alcuni avventori. Poi, il rapinatore ha preso la pistola ed ha sparato un solo colpo contro Davide. Un colpo mortale. I carabinieri, adesso, stanno compiendo le indagini per ricostruire la dinamica dell'episodio. Non è escluso che anche il rapinatore sia rimasto ferito: alcune macchie di sangue notate nei pressi del bar potrebbero appartenergli. Le leggi italiane rappresentano un deterrente per i criminali oppure li incentivano a delinquere e, spesso, a uccidere? #Cronaca Bologna