L’identikit è quello dello studente universitario modello: una buona situazione negli studi nonostante fosse fuori corso da qualche anno, un bel ragazzo curato e ben vestito, del tutto diverso da quelli che frequentano, fra bottiglie di birra e commercio illecito di hashish, piazza Verdi. Poi, una fidanzata alla quale teneva molto e una famiglia in Calabria con la quale i contatti erano costanti.

La pista dei problemi con gli esami universitari

Cosa sia accaduto a Carlo Nuzzi, lo studente 28enne di Farmacia scomparso la notte tra venerdì 28 e sabato 29 luglio, senza aver lasciato ancora alcuna informazione di sé, nessuno lo sa.

Pubblicità
Pubblicità

Comincia però a spuntare una pista possibile: potrebbe avere alcuni problemi con gli esami, sarebbe molto più indietro di quanto avesse detto a tutti, anche agli amici più stretti con i quali conviveva in un appartamento abbastanza centrale di porta Lame. Ora però che tutti lo reclamano, dalla famiglia alla fidanzata pronti a perdonarlo per una bugia dovrebbe farsi vivo. E invece no, il mistero resta irrisolvibile. Ricostruiamo cosa ha fatto nelle ultime ore nelle quali è stato visto. Carlo venerdì 28 luglio si era intrattenuto a lungo in ospedale dalla fidanzata Rosa che aveva subito un piccolo intervento chirurgico, poi l’aveva lasciata riposare con la promessa che si sarebbero rivisti la mattina di sabato 29 luglio. Era molto amorevole e apprensivo nei suoi confronti. Poi era tornato nel suo appartamento, condiviso con due coinquilini.

Pubblicità

Particolare da tenere in conto, diversamente dal solito non era stato molto loquace e dopo aver scambiato alcune parole, era andato in camera da letto dicendo che si sentiva molto stanco. Verso le 23 e 30 aveva spento il telefono, cosa che non era abituato a fare mai.

Da allora non si hanno più notizie di Carlo, anche se deve essere uscito per forza di casa nel corso della notte o nelle prime ore del mattino successivo, non si sa se solo o in compagnia di qualche altra persona. Dalla camera mancano solamente le chiavi di casa, il cellulare e un tablet, tutto il resto è a posto come fa sempre una persona ordinata come è considerato lui.

Gli appelli della fidanzata e della famiglia

Ora tutti, la fidanzata Rosa, la famiglia e gli amici gli chiedono solamente di tornare, di farsi vivo, di dire dove si trova qualsiasi problema avesse o meno con l’università. La sua scomparsa è stata denunciata alla polizia e sono apparsi diversi appelli sui social, ma la verità non è ancora emersa. #Università #Cronaca Bologna