Sul campo la #Juventus di Massimiliano Allegri continua a vincere, mantenendo inalterato il vantaggio sulle inseguitrici. Anche a Genova, la Vecchia Signora ha conquistato i tre punti, imponendosi grazie al gol messo a segno da Cuadrado. Fuori dal terreno verde di gioco però, la Vecchia Signora deve fare i conti con una vicenda spinosa: vale a dire quella dei presunti rapporti tra i vertici del club bianconero e membri della 'Ndrangheta nella compravendita dei biglietti dello Juventus Stadium. Sabato scorso è arrivato il deferimento di Andrea #agnelli da parte del procuratore della Figc, Giuseppe Pecoraro, e per il club bianconero ora si aprano degli scenari che possono anche portare a delle sanzioni.

Pubblicità
Pubblicità

Secondo quanto riportato da "La Gazzetta dello Sport" infatti, Pecoraro è convinto che ci siano tutti gli estremi per per un processo sportivo a carico della Juventus.

Cosa rischiano Agnelli e la Juventus?

Il Procuratore della Figc dunque ha deciso di deferire il numero uno del club bianconero "per la violazione dei principi di lealtà, correttezza e probità e dell’obbligo di osservanza delle norme e degli atti federali di cui all’art.1 bis, comma 1, del Codice di Giustizia Sportiva e dell’art. 12, commi 1, 2, 3 e 9 stesso Codice". Nel deferimento Pecoraro utilizza toni molti duri nei confronti del club bianconero, sottolineando come la Juventus, " con il dichiarato intento di mantenere l’ordine pubblico nei settori dello stadio occupati dai tifosi “ultrà... " non abbia "impedito a tesserati, dirigenti e dipendenti di intrattenere rapporti costanti e duraturi con i gruppi ultrà, anche per il tramite e il contributo fattivo di esponenti della malavita organizzata".

Pubblicità

Insomma quelle lanciate da Pecoraro sono accuse molto pesanti, che vanno oltre ciò che era stato preventivato dalla Vecchia Signora, con il procuratore federale che ha inoltre sottolineato come lo stesso Andrea Agnelli abbia personalmente partecipato a volte ad incontri con esponenti della malavita organizzata. A questo punto il numero uno della Juventus rischia una lunga inibizione, ma anche la Juventus rischia di essere sanzionata: il club bianconero infatti potrebbe essere coinvolto per responsabilità diretta in relazione agli addebiti contestati ad Agnelli e a titolo di responsabilità oggettiva per gli addebiti a Calvo-D’Angelo-Merulla. La sanzione potrebbe andare da una pesante multa da pagare, fino ad arrivare a dei punti di penalizzazione. L'obiettivo della Procura ora è quello di arrivare ad una sanzione in tempi piuttosto brevi: già prima della fine del campionato infatti potrebbe esserci la sentenza di primo grado, con la Juventus e i suoi tifosi che trattengono il fiato, in attesa di chiarire una vicenda che presenta ancora molti lati oscuri.