Gabriel Barbosa, noto anche come #Gabigol, non è stato sicuramente il più grande affare della storia dell’#Inter. L’attaccante brasiliano, arrivato dal Santos per trenta milioni di euro la scorsa estate, e presentato in grande stile all’auditorium Pirelli di Milano, non è riuscito a confermare le attese che c’erano su di lui, soprattutto dopo aver vinto l’Olimpiade con la nazionale brasiliana, giocando solo pochi spezzoni di partita in campionato, totalizzando poco più di cento minuti ed una sola rete, contro il Bologna. I tifosi spesso lo invocano, sia allo stadio sia sui social, e domenica scorsa il tecnico, Stefano Vecchi, ha accontentato il pubblico presente al Meazza che acclamava Gabigol a gran voce, inserendolo negli ultimi quindici minuti, alternando buone giocate ad altre meno buone, su tutte l’ammonizione subita nel finale per aver scagliato il pallone fuori campo dopo un fallo commesso.

Pubblicità
Pubblicità

Intanto sul giocatore ieri si è scatenato un nuovo caos, relativo al prezzo pagato dall’Inter per strapparlo alla forte concorrenza, rappresentata soprattutto da Juventus e Barcellona. Infatti, leggendo dal documento reso pubblico da #Calciomercato.com, oltre ai trenta milioni di euro pagati tra il Santos (che deteneva il 40% del cartellino), Doyen (20%) e calciatore stesso (40%) ci sono anche l’ingaggio, che al lordo è di circa sei milioni di euro e le commissioni, che portano al costo complessivo dell’operazione intorno ai sessanta milioni di euro.

Proprio sulle commissioni si entra nello specifico, visto che il documento svela la commissione presa da Giuliano Bertolucci, collega e sodale di quel Kia Joorabchian che tanto potere ha avuto in questi primi mesi di Suning alla guida dell’Inter.

Pubblicità

La commissione percepita per l’affare è elevatissima e ammonta a quattro milioni di euro, oltre il 13% del prezzo a cui è stato acquistato Gabigol. Nel dettaglio Bertolucci andrà a percepire la cifra stabilita in dodici rate (otto da 350.000 euro e le restanti quattro da 300.000 euro), pagabili fra il 30 settembre 2016 e il 30 giugno 2019.

Il futuro di Gabigol

Adesso, però, in casa Inter si discute su quello che sarà il futuro di Gabigol. L’agente del calciatore, Wagner Ribeiro, è stato chiaro qualche settimana fa: se il suo assistito non dovesse trovare spazio da qui a fine stagione (e fino ad ora ha giocato quindici minuti solo contro il Sassuolo), verrà chiesta la cessione, anche in prestito purché vada in un top club europeo (su di lui sembra esserci il forte interesse del Siviglia).