Tra tutti gli incontri che Piero Ausilio ha tenuto nelle ultime ore, uno in particolare sembra aver dato buoni frutti: aumentano infatti le possibilità di vedere presto all’#Inter l’attuale difensore centrale della Sampdoria Milan #Skriniar. Venerdì sera il direttore sportivo nerazzurro si è visto con l’avvocato Romei, in rappresentanza dei blucerchiati, per gettare le basi di un’eventuale trattativa. La società di Genova si è mostrata interessata alla proposta, anche se ci vorrà ancora diverso tempo per definire i dettagli. Si parte da una valutazione del giocatore pari a circa 23 milioni di euro (ma qualche giornale, come Tuttosport, arriva a parlare di 25).

Pubblicità
Pubblicità

I dettagli della trattativa

Alla Sampdoria potrebbero andare circa 16-17 milioni, più eventuali contropartite tecniche: si discute a tal proposito del prestito di Gianluca Caprari, attaccante del Pescara acquistato dall’Inter lo scorso gennaio. E – novità delle ultime ore – anche di un possibile ritorno alla Samp di Andrea Ranocchia, rientrato da poco dal prestito all'Hull City: l’ex capitano nerazzurro infatti ha già giocato a Genova nella seconda parte della stagione 2015/16, a dire il vero non lasciando un grande ricordo. Tuttavia, un’operazione simile non è semplice, perché l’allenatore doriano Marco Giampaolo non vorrebbe privarsi del difensore slovacco. Anche lo stesso agente di Milan Skriniar, Karol Csonto, sembra voler raffreddare gli entusiasmi visto che preferirebbe che il suo assistito, classe 1995, rimanesse ancora qualche tempo a Genova, in un ambiente più rilassato e protettivo, per fare esperienza.

Pubblicità

L’agente di Skriniar frena

"Sono stato messo al corrente dell'incontro di Roma, ma escludo un seguito – spiega il procuratore a Tuttomercatoweb – posso anche sbilanciarmi dicendo che Milan resterà alla Sampdoria nella prossima stagione, direi al 100%". Ma subito dopo arriva un’apertura da parte sua, con l’ammissione che al giocatore farebbe piacere approdare in nerazzurro tra un anno. E potrebbe quindi essere plausibile che la società chieda all'Inter di trattenere ancora per una stagione il ragazzo. In queste ore ha fatto sentire la propria voce anche il padre di Skriniar, per il quale sarebbe meglio che suo figlio “non si muovesse da Genova, dove è molto apprezzato da Giampaolo, per almeno sei mesi”, evitando così di farsi prendere dalla fretta di giocare agli ordini di Spalletti.

Sembra che l’esperienza di Gabigol, un altro talento accolto a Milano con tutti gli onori e poi impiegato col lumicino dai vari allenatori che si sono succeduti in questa annata, abbia lasciato il segno e spinto ad una maggiore prudenza. Insomma, non sempre le cose possono andare bene, come nel caso di Mauro Icardi, che nel 2013, quando aveva solo 20 anni, è stato un esempio felice di operazione di #Calciomercato tra le due società. Ma, se quest'ultima operazione andrà a buon fine, i tifosi nerazzurri potranno trovarsi nelle fila dell'Inter anche un giocatore di nome Milan.