Pubblicità
Pubblicità

La storia del calcio è ricca di episodi arbitrali che hanno determinato in un senso o nell'altro l'andamento dei match. L'arbitro è un uomo e come tale ha diritto di sbagliare, a volte però, dietro ai marchiani errori dei giudici di gara si nasconde la malafede. Nella storia del calcio italiano, l'ultimo scandalo che ha interessato la classe arbitrale è certamente quello di "Calciopoli" - esploso nell'estate del 2006 - che vide diversi club italiani subire delle pesanti penalizzazioni, con la Juventus costretta addirittura a ripartire dalla Serie B. In questi giorni in Italia e non solo, si discute molto sull'ultizzo del Var, vale a dire della tecnologia applicata al mondo del calcio.

Pubblicità

Dopo la sfida disputata tra Genoa e Juventus, Gianluigi Buffon si è espresso negativamente sul Var: "Così il Var non mi piace, se ne sta facendo un uso spropositato e sbagliato. Si diceva che andava utilizzato con parsimonia, in modo giusto e utile. E invece così sembra di giocare a pallanuoto, è qualcosa di molto brutto. Anche perché nel calcio non tutti i contatti sono da rigore". Dunque le polemiche in merito all'utilità o meno del Var continuano ad esserci e si potraranno fino a quando non si farà chiarezza in maniera definitiva sul suo utilizzo.

Incredibile decisione della Fifa: Sudafrica-Senegal si rigiocherà

Nonostante le polemiche però, spesso ci si rende conto di quanto uno strumento come il Var possa potenzialmente rappresentare una vera e propria ancora di salvezza per il calcio, garantendo all'intero movimento quella credibilità che spesso è mancata.

Pubblicità

A tal proposito, va sottolineata la clamorosa decisione della #Fifa arrivata nelle ultime ore: Sudafrica-Senegal dovrà essere rigiocata. Secondo il massimo organo calcistico internazionale infatti, la sfida tra le due nazionali africane - gara del girone D, zona Africa, disputata lo scorso 12 novembre e terminata 2-1 per i padroni di casa - è stata pesantemente condizionata dall'arbitrato ghanese Joseph Lamptey, per il quale il Tribunale arbitrale dello sport (Tas) ha confermato la squalifica a vita, stabilita dalla Federazione internazionale, per “aver influenzato illecitamente il risultato”.Al giudice di gara si rimprovera di aver concesso scientemente un calcio di rigore al Sudafrica, per un fallo di mano inesistente commesso da #koulibaly (difensore del Napoli [VIDEO]e della nazionale senegalese). La partita da Sudafrica e Senegal, valida per le qualificazioni mondiali, dovrà essere rigiocata entro novembre.