Il Brasile non ha vinto ed è già una notizia. Dopo nove successi consecutivi nel girone sudamericano di qualificazione ai Mondiali di Russia 2018, la selecao di Tite si deve accontentare del pareggio in Colombia. Un risultato sostanzialmente giusto, anche se nella ripresa i padroni di casa avrebbero senza dubbio meritato qualcosina in più. Ad ogni modo per i Cafeteros è un ulteriore mattoncino verso la fase finale iridata, mentre sull'altro fronte, alla luce di una qualificazione gia abbondantemente agli archivi, Tite si può permettere il lusso di qualche esperimento. Chi non può permettersi più nulla è invece il Cile che, dopo dopo il pesante k.o. casalingo contro il Paraguay, crolla clamorosamente anche in Bolivia.

Pubblicità
Pubblicità

Dietro al Brasile, per quanto riguarda gli altri tre posti che assegnano direttamente il biglietto per la Russia, tutto può ancora succedere, così come non è affatto certo il nome della quinta classificata che dovrà disputare lo spareggio intercontinentale contro la Nuova Zelanda, vincitrice delle qualificazioni nella zona oceanica.

Colombia-Brasile 1-1

La partita vive una lunga fase di studio, poi la Colombia tenta il primo affondo al 23': Cardona serve James Rodriguez il cui tiro di prima intenzione chiama Alisson all'intervento. Il Brasile risponde al 28' con Firmino che entra in area e calcia, ma Ospina riesce a deviare in corner. Portieri piuttosto impegnati in questa fase, al 32' è nuovamente il turno di Alisson, prontissimo a deviare in corner un colpo di testa di Falcao.

Pubblicità

Nei minuti di recupero del primo tempo la selecao sblocca il match: Neymar lancia in verticale Willian la cui conclusione dal limite si insacca sotto l'incrocio. Dopo 10' dall'inizio della ripresa, però, arriva il pareggio dei Cafeteros: l'azione parte da Arias che triangola splendidamente con Rodriguez e crossa al centro per lo stacco di Falcao sul quale Alisson si deve arrendere: 1-1. Al 60' la Colombia potrebbe raddoppiare con una magia di James Rodriguez che coglie il palo, poi la difesa verdeoro libera la propria area. Superato lo choc, il Brasile riparte con la progressione di Paulinho che si porta al limite e calcia, la palla si perde di poco sul fondo. Nel finale di partita la Colombia sfiora nuovamente il vantaggio grazie ancora a Rodriguez decisamente ispirato, ma il suo tiro dal limite viene deviato in calcio d'angolo.

Il tabellino

Colombia (4-2-3-1): Ospina; Arias, Zapata, D. Sanchez, Fabra (85' Tesillo); C. Sanchez, Aguilar; Cuadrado (46' Chara), Rodriguez, Cardona (71' Gutierrez); Falcao.

Pubblicità

All. Pekerman

Brasile (4-3-3): Alisson; Dani Alves, Thiago Silva (90' Rodrigo Caio), Marquinhos, Filipe Luis; Renato Augusto (74' Coutinho), Fernandinho, Paulinho; Firmino (64' Gabriel Jesus), Neymar, Willian. All. Tite

Arbitro: Lopez (Venezuela)

Reti: 45'+2 Willian (B), 56' Falcao (C)

Bolivia-Cile 1-0

La Bolivia inizia il match in avanti: al 6' ci prova Arce con una gran botta di destro da posizione decentrata ed il pallone sorvola l'incrocio; 2' dopo, sugli sviluppi di un corner, i locali sfiorano il gol con Moreno che colpisce di testa a porta vuota, dopo un errore di Bravo, ma fallisce clamorosamente il bersaglio. La risposta cilena all'11' è affidata a Vidal la cui staffilata dal limite è parata da Lampe. Sono sempre i giocatori de 'La Verde' a fare la partita, al 25' Bejarano impegna Bravo in una deviazione in corner con una conclusione a giro, mentre al 28' Valverde sfrutta un cross di Escobar, stacca di testa e sfiora il montante. Poco dopo la mezz'ora Escobar stoppa con eleganza e lascia partire un gran tiro dalla trequarti che sorvola di poco la traversa. Nel finale di primo tempo, al 40', l'occasione clamorosa per il Cile capita sui piedi di Vidal, ma l'ex juventino spedisce incredibilmente a lato da due passi un prezioso assist di Isla. Nonostante il sussulto finale, il tema del match non cambia nella ripresa: i boliviani si mantengono in attacco ed al 58' beneficiano di un calcio di rigore concesso per un evidente fallo di mano in area di Marcelo Diaz su un cross di Flores. Dagli 11 metri Arce batte Bravo che intuisce, ma non riesce ad intercettare la sfera. Per la Bolivia è certamente un risultato inatteso, ma meritato per quel che si è visto sul terreno di gioco. Per giunta, il Cile fa poco o nulla per riequilibrare il match: i campioni sudamericani appaiono privi di idee e poco incisivi in avanti. Lampe resta praticamente inoperoso, mentre sull'altro fronte i padroni di casa sfiorano il raddoppio con Campos ed Arce. Finisce con il successo di misura dei boliviani ed il Cile che, con la seconda sconfitta consecutiva, complica terribilmente il proprio cammino verso i Mondiali di Russia.

Il tabellino

Bolivia (4-4-2): Lampe; Bejarano, Zentero, Raldes, Flores; Arce, Justiniano, Valverde (73' Candia), Campos (66' Chumacero); Escobar (46' Alvarez), Moreno. All. Soria

Cile (4-3-1-2): Bravo; Isla, P. Diaz, Medel, Beausejour; M. Diaz (66' Valdivia), Silva, Hernandez; Vidal (80' Valencia); Sanchez, Vargas (63' Paredes). All. Pizzi

Arbitro: Roldan (Colombia)

Reti: 59' Arce rig. #America Latina #Mondiali Russia 2018