Pubblicità
Pubblicità

In casa #Inter nonostante l'attenzione sia completamente rivolta al campo visto che domenica si affronterà il Chievo allo stadio Meazza, alle ore 15, nel match valido per la quindicesima giornata, intorno alla squadra nerazzurra continuano a circolare varie voci di mercato, sia per quanto riguarda gli acquisti, sia per quanto riguarda le eventuali cessioni.

La società nerazzurra è pronta a muoversi in vista della prossima sessione di calciomercato, a gennaio, per rinforzare la rosa in maniera adeguata dato che, nonostante l'ottimo inizio di stagione, ci sono alcune carenze che sono state messe in luce e che il tecnico, Luciano Spalletti, ha fatto presente ai dirigenti.

Pubblicità

Inoltre bisognerà resistere dall'assalto dei top club europei sui gioielli nerazzurri, su tutti Mauro Icardi e Ivan Perisic. Nella settimana appena trascorsa si è parlato in maniera molto frequente dell'interessamento del Real Madrid [VIDEO] per l'attaccante argentino, con il patron Florentino Perez che avrebbe individuato in lui l'erede perfetto di Karim Benzema, che sembra essere arrivato alla fine del suo ciclo nella capitale iberica.

Marca ha sottolineato come i blancos premono per avere il giocatore già a gennaio ma la trattativa è praticamente impossibile visto che l'Inter non si priverà mai del suo capitano, soprattutto a gennaio nel pieno della corsa scudetto. Inoltre la clausola rescissoria inserita nel contratto di Maurito entra in vigore solo nella sessione estiva di mercato ed è esercitabile fino al 15 luglio.

Pubblicità

Clausola che potrebbe essere eliminata dal club nerazzurro, che ha cominciato i colloqui con la moglie e agente del giocatore, Wanda Nara, per rinnovare il contratto.

Il parere di Sconcerti

Del possibile interessamento del Real Madrid per Mauro Icardi ha parlato anche il giornalista [VIDEO] de Il Corriere della Sera, Mario #Sconcerti, che ai microfoni di Tuttomercatoweb Radio ha dichiarato:

La clausola di Icardi: "Quando c'è una clausola non c'è contratto, che serve solo per il pagamento dell'ingaggio. Quando hai una clausola e un club è pronta a pagarla te ne devi andare. Se l'Inter vuole tenere Icardi deve subito rinnovargli il contratto. E la clausola la inserirei solo nel caso in cui volesse fosse volontà del suo entourage. Non vedo l’utilità della clausola per la società. Io fossi l’Inter chiederei di toglierla davanti all’aumento dell’ingaggio. Ora Icardi non è più un ragazzino, ha quasi venticinque anni e può pensare di restare a Milano per altri quattro, cinque anni".