Un'ordinanza sperimentale del sindaco di Catania Enzo Bianco ha vietato la diffusione di volantini pubblicitari su tutto il territorio del comune di Catania fino al 6 febbraio. Il provvedimento ha lo scopo di ridurre il fenomeno inquinamento, del quale la città è vittima a causa dell'abuso dell'attività di volantinaggio. Infatti spiega il sindaco, questi volantini che vengono sparsi per le vie della città, finiscono per occludere le caditoie impedendo il deflusso delle acque piovane e mettendo a rischio l'incolumità dei cittadini.

Severe sanzioni sono previste per i trasgressori del divieto

La sanzione prevista per i trasgressori del divieto va dai 25,00 euro ai 500,00 euro, più le spese di accertamento e notifica.

Pubblicità
Pubblicità

Nel caso non sia possibile verificare chi sono i responsabili della trasgressione, la sanzione verrà applicata ai beneficiari del messaggio pubblicitario, salvo che questi provino la propria estraneità. Dunque sarà bandita la distribuzione di volantini, opuscoli, buoni sconto e biglietti omaggio di qualsiasi tipo. In particolar modo è vietata la distribuzione di opuscoli pubblicitari in prossimità di incroci, in quanto i distributori inducono i conducenti delle automobili a facili distrazioni oltre ad impedire la libera circolazione dei veicoli.

Quali saranno le conseguenze di questo provvedimento?

Questo provvedimento sicuramente presenta dei pro per l'ordine e la pulizia della città, ma anche dei contro per molti utenti. Infatti il volantinaggio è un'attività che offre lavoro non solo alle aziende di stampa, ma anche a quelle di distribuzione, le quali a loro volta danno la possibilità di arrotondare i propri guadagni ai giovani in particolar modo.

Pubblicità

Ancora chi subirà le conseguenze del taglio dell'attività saranno le aziende che decidono di pubblicizzare la propria attività. In quanto, anche se è vero che le offerte pubblicitarie si possono facilmente trovare sul web, questo non è ancora oggi un canale alla portata di tutti e inoltre richiede più tempo a disposizione. Insomma la pubblicità cartacea ha tutto un altro effetto e soprattutto si rivela più reperibile. #Cronaca Catania