Sfuma al 98' minuto il sogno serie D per lo Scordia Calcio, i ragazzi di Natale Serafino hanno accarezzato lo storico salto di categoria fino agli ultimi minuti della trasferta di Barcellona Pozzo di Gotto. Per la gara contro l'Igea Virtus i tifosi scordiensi si erano mobilitati per sostenere la squadra nella gara più importante della storia, circa 500 i tifosi ospiti arrivati al “D'Alcontres”.

Durante il primo tempo lo Scordia preme e arriva il gol allo scadere, con Ciccio Bertolo che direttamente su calcio di punizione insacca la rete che da quel momento vale la promozione in serie D. Lo stesso Bertolo prima di andare al riposo viene espulso, la propria squadra dovrà giocare i secondi 45 minuti con un uomo in meno.

Pubblicità
Pubblicità

A quel punto la gara cambia, l'Igea si scaraventa in avanti con tutti i suoi uomini, ma Fagone è impeccabile e difende a denti stretti la propria porta. A otto minuti dalla fine un grave infortunio per un giocatore di casa, arrivano i soccorsi, il giocatore esce in ambulanza tra gli applausi dell'intero pubblico. A causa di questo infortunio l'arbitro concede 11 minuti di recupero, i barcellonesi continuano a premere centrano un palo proprio in pieno recupero. Sembra il preludio di quello che sta per accadere, al minuto 98 Biondo supera Fagone e arriva le beffa, il Siracusa in contemporanea aveva superato la San Pio per 2-0, scavalca lo Scordia in classifica per un punto e accede in serie D. Per giocatori, dirigenti e tifosi scordiensi la delusione è tanta, tutti con le lacrime agli occhi tornano nella loro cittadina consapevoli, però, di avere disputato un grande campionato di Eccellenza.

Pubblicità

Il sogno però non è sfumato del tutto, ora ci sono i play-off, lo Scordia accede direttamente alla fase nazionale. Mister Serafino ci crede, queste le parole del tecnico scordiense rilasciate in un suo profilo social: “la grande delusione sarà trasformata in rabbia e grande voglia di conquistare la serie D”. Ma chi incontrerà lo Scordia nei prossimi play-off? Praticamente saranno due turni: semifinale e finale con gare di andata e ritorno. L'andata della semifinale lo Scordia la giocherà fuori casa il 17 maggio prossimo contro una tra Sant'Agnello e Scafatese; la prima gioca a Sorrento, in provincia di Napoli; la seconda a Scafati, in provincia di Salerno; gara di ritorno il 24 maggio al “Binanti”.

L'andata della finale è programmata per il 7 giugno, ritorno il 14. L'avversaria uscirà fuori dallo scontro tra la formazione del gruppo A di Eccellenza Sicilia (una tra Mazara, Sancataldese, Pro Favara e Ribera) contro Nardò o Casarano, formazioni della provincia di Lecce. Se lo Scordia incontrerà una siciliana giocherà la finale d'andata in casa e quella di ritorno in trasferta; nel caso dovesse incontrare Nardò o Casarano si procederà al sorteggio per stabilire l'ordine di svolgimento della finale.

Pubblicità

Riepilogo date e incontri play-off nazionali Eccellenza

Semifinale: andata 17 maggio Sant'Agnello o Scafatese-Scordia; ritorno 24 maggio Scordia-Sant'Agnello o Scafatese.

Finale: andata 7 giugno in casa contro una siciliana del gruppo A, sorteggio se sarà contro Nardò o Casarano; ritorno 14 giugno in trasferta contro una siciliana del gruppo A, sorteggio se sarà contro Nardò o Casarano. #Sport Catania