Dopo il successo delle edizioni passate, si rinnova puntuale anche quest’anno l’ormai tradizionale appuntamento con “I Vini della Costa d’Oro dell’Etna”. La manifestazione, ideata e organizzata da Nino Franco, giunge alla settima edizione e si svolgerà venerdì 18 settembre. Ancora una volta sarà Passopisciaro, frazione di Castiglione di Sicilia (in provincia di #Catania) ad ospitare l'importante rassegna vinicola. L'inizio della serata è previsto per le ore 20 e sarà, come negli anni precedenti, Piazza Majorana a fare da cornice all'evento.

Hanno già dato la loro adesione alla manifestazione oltre trenta cantine e aziende agricole della fascia di territorio che si estende da Rovittello a Randazzo. Un’occasione per promuovere e valorizzare i vini prodotti in questa zona, non a caso definita la “Costa d’oro dell’Etna” grazie ad un terreno sempre baciato dal sole e con caratteristiche uniche segnate dal #Vulcano più grande d’Europa. Sono in aumento, infatti, le richieste dall'estero dei vini di questa parte del territorio etneo e con soddisfazione gli operatori del settore vedono aumentare le esportazioni delle loro produzioni. Un modo per valorizzare il territorio siciliano e catanese, spesso oggetto di notizie di cronaca nera. 

L'importanza dei prodotti locali

“Sarà una grande festa anche quest’anno – afferma Nino Franco – un’occasione anche per far conoscere e apprezzare a molti turisti i nostri prodotti tipici e i nostri vini.

Pubblicità
Pubblicità

Per Passopisciaro e tutto il territorio etneo si tratta di una vetrina molto importante”. In effetti, la manifestazione è diventata ormai un punto fermo degli #Eventi di Castiglione di Sicilia e di Passopisciaro in particolare e in tanti si danno appuntamento per salutare la stagione estiva che volge al termine e per dare il benvenuto all'imminente stagione autunnale. Appuntamento quindi a Passopisciaro per venerdì 18 settembre a partire dalle 20 in Piazza Majorana per trascorrere una serata all’insegna di vino, degustazioni di prodotti locali, musica e tanta allegria. E per cercare di rendere meno amaro un periodo davvero particolare per il territorio etneo.