Si parla tanto di Buona #Scuola, di buoni comportamenti e di buona educazione, eppure quando ci si trova di fronte a certe notizie di cronaca, i 'buoni ' propositi del Governo che vuole dipingere la scuola pubblica italiana in stile 'Mulino Bianco' con lo slogan 'Un Mondo Buono', vanno letteralmente a farsi benedire.

Ultime news scuola, 1 dicembre: preside aggredito a Catania dalla madre di un bambino di 8 anni

La vicenda è accaduta in un Istituto Comprensivo di Catania, il 'Livio Tempesta' dove un preside è stato aggredito dalla madre di un bambino che frequenta la terza elementare. Motivo? La signora termina il proprio orario di lavoro alle 15 e l'uscita da scuola è fissata alle ore 14.

Pubblicità
Pubblicità

La soluzione prospettata dalla madre è stata quella di mandare l'altra figlia di 17 anni a prendere il fratellino più piccolo ma il preside, Tarcisio Maugeri, ovviamente, non l'ha permesso. 'Avremmo commesso un reato, siamo responsabili. Se non sono i genitori - ha spiegato il dirigente - dev'essere un'altra persona con una delega firmata. Ma comunque deve essere maggiorenne'.

Insulti e aggressione al preside: 'E' il loro linguaggio, io e i docenti siamo completamente soli'

Ebbene la donna si è recata in segreteria e si è trovata faccia a faccia con il preside che ha cercato di spiegare le ragioni di tale decisione. La donna, di fronte alle spiegazioni date, si è innervosita ed ha cominciato ad inveire duramente in dialetto nei confronti del DS: 'Ma tu chi spacchiu sì? - avrebbe urlato la donna - 'Fatti i ca**i tò' ha aggiunto giustificando il fatto di dover lavorare sino a tardi e di non poter fare altrimenti.

Pubblicità

All'invito rivoltole dal preside di lasciare la segreteria in quanto non si possono accettare delle richieste che vanno contro al regolamento scolastico, la donna ha preso a schiaffi il dirigente scolastico. Quando il personale scolastico ha cercato di sedare gli animi, la donna si è lanciata addosso al DS, graffiandolo al viso con le unghie.

Il preside ha spiegato come non ci sia un sistema che educhi. 'Genitori e figli entrano all'ora che vogliono, l'insulto è il loro linguaggio perchè non conoscono altro modo di esprimersi. Io e il personale docente - ha spiegato Tarcisio Maugeri - veniamo continuamente insultati da genitori irritati. Il sottoscritto e gli insegnanti che lavorano in questo istituto sappiamo di essere completamente soli'. #Cronaca Catania