Ormai si sa che gli #smartphone sono i maggiori portatori di batteri, sporco, polvere e residui di altro tipo. Chi cerca la soluzione, oggi può trovarla, ma non ancora in Italia ma bensì in Giappone. L'azienda che lo produce si chiama Kyocera ed in Italia è ancora conosciuta molto poco, ma punta alla realizzazione di smartphone indistruttibili. Attraverso l'operatore KDDI, il prossimo marzo nascerà un nuovo smartphone col nome di "Rafre".

Il nuovo "Rafre"

Questo innovativo smartphone si può lavare con acqua calda, direttamente sotto il rubinetto, e con qualsiasi detergente, sapone o bagnoschiuma. In realtà è un aggiornamento rispetto ad un modello precedente che si poteva pulire con l'acqua calda ma solo con determinati tipi di detergenti per le mani.

Pubblicità
Pubblicità

Oggi invece Rafre può essere lavato con qualsiasi tipo di detergente, anche con quelli che fanno la schiuma. Ora scopriamo nello specifico cosa troviamo all'interno del cellulare. Oltre alle numerose applicazioni già precaricate, nello specifico troviamo oltre 100 ricette, un timer (per scolare la pasta al momento giusto ad esempio), ed inoltre si può rispondere alle chiamate senza toccare il display, solo con dei gesti.

Questo smartphone è stato pensato sopratutto per le persone che in cucina ci lavorano, o ci passano molto tempo. Infatti il display di questo cellulare è stato pensato per essere utilizzato anche con le mani sporche, bagnate o indossando i guanti. Per quanto riguarda l'hardware monta 2GB di RAM e 16GB di memoria interna, espandibile fino a 200GB con una microSD. Lo schermo è da 5 pollici con una risoluzione HD, mentre la fotocamera posteriore è da 13 megapixel e quella anteriore da 5 megapixel.

Pubblicità

La batteria è da 3000 mAh. Il device monta la versione Android Nougat 7.0. Il telefono è disponibile per ora solo in Giappone, in tre diverse colorazioni: rosa pallido, bianco o celeste. Rafrè è un vero passo avanti per la tecnologia ma sopratutto per l'igiene, chissà che potrà essere d'ispirazione per i produttori italiani. #technologynews #novitàcellulari