Grave incidente è avvenuto nella giornata del 31 luglio vicino l'Ateneo della Calabria nella provincia di Cosenza. Stiamo parlando dell'Unical, la prestigiosa università dove ogni giorno giungono migliaia di studenti. Come ogni giorno la maggior parte degli studenti raggiungono l'ateneo con i mezzi pubblici ma oggi qualcosa non è andato come previsto. Mentre un pullman raggiungeva l'Unical, è avvenuto un tamponamento grave che ha causato anche dei feriti. Vediamo nel dettaglio la prima dinamica dell'incidente e i danni che sono stati arrecati.

Tamponamento tra due pullman

I mezzi che sono rimasti coinvolti nel grave incidente sono stati due pullman della prestigiosa ditta 'Preite', uno dei due era in movimento e trasportava degli studenti mentre l'altro era fermo e parcheggiato sotto il cavalcavia, dove per loro è consuetudine sostare.

Pubblicità
Pubblicità

Il pullman che era in servizio era diretto verso l'Università della Calabria e proveniva da Campora San Giovanni. Secondo una prima ricostruzione della dinamica dei fatti, il mezzo avrebbe tamponato violentemente l'altro provocando danni a cose e persone.

Sette feriti coinvolti nel sinistro

Coinvolti nel brusco incidente sono stati cinque studenti e due autisti di cui uno degli studenti avrebbe subito una frattura ad entrambi gli arti inferiori e sarebbe stato immediatamente portato in codice rosso presso il Pronto Soccorso dell'ospedale civile annunziata di Cosenza. Sul posto sono intervenute le forze dell'ordine locali e il servizio di soccorso per accertare le condizioni e la dinamica dell'incidente. Ancora però non sarebbero stati annunciati i nomi delle persone protagoniste del sinistro.

Pubblicità

Ulteriori ricostruzioni sarebbero ancora in fase di accertamento da parte degli enti preposti. Nell'attesa di scoprire nuovi dettagli e di conoscere i nomi dei diretti interessati, vi invitiamo a non perdere i nostri aggiornamenti. Per restare connessi con le nostre news vi invitiamo a cliccare sul tasto Segui che è stato collocato in alto accanto al nome dell'autore dell'articolo. #Cronaca Cosenza