Continua a generare incidenti e feriti la strada statale 106 sita nella regione Calabria. La 'strada della morte' ha visto un altro tragico incidente che ha generato ben tre feriti ma per fortuna nessun decesso. Sul posto sono intervenute le forze dell'ordine locali che hanno cominciato a delineare la dinamiche dei fatti. Lo scontro sarebbe stata tra un'ambulanza che trasportava un ferito e un tir in fase di sorpasso. Vediamo però dettagliatamente i primi dati che hanno rilasciato gli agenti della Polstrada

Scontro frontale

L'incidente sarebbe avvenuto oggi 4 agosto sulla strada statale 106 all'altezza di Villapiana, nota località famosa per il mare splendente, nella provincia di Cosenza.

Pubblicità
Pubblicità

Sulla nota strada, in cui spesso i veicoli sfrecciano ad alta velocità, viaggiava una vettura del pronto soccorso che trasportava, in codice rosso e dunque a sirene accese, un ferito che ha visto la sua corsa bloccata da un tir. Quest'ultimo stava effettuando una manovra di sorpasso e non avendo fatto in tempo a rientrare nella propria corsia avrebbe tamponato frontalmente l'ambulanza. Sul posto sono immediatamente intervenuti gli agenti della Polstrada insieme ai Carabinieri di zona che hanno bloccato e deviato il traffico in modo da poter effettuare i primi accertamenti. Rimasti coinvolti nell'incidente sono state dunque tre persone di cui uno è stato trasportato in ospedale in pessime condizioni che addirittura potrebbe lottare tra la vita e la morte.

Il traffico è stato deviato su un percorso secondario e il tratto di strada in cui si è verificato l'incidente è stata completamente chiusa.

Pubblicità

Ulteriori accertamenti sono adesso in corso per capire se la dinamica del sinistro è realmente quella della prima ricostruzione. Per fortuna i carabinieri hanno dichiarato che non ci sono stati morti. Per saperne di più e scoprire ulteriori dettagli sulle persone che sono rimaste ferite e suo dettagli dell'incidente, vi invitiamo a cliccare sul pulsante 'Segui' collocato in alto al nome dell'autore dell'articolo. #Cronaca Cosenza