Altra tragedia si è consumata in Calabria e più precisamente nella provincia di Cosenza dove un uomo di 42 anni è stato accoltellato dai figli e dal genero della sua convivente, una pensionata di 69 anni. Dalle prime ricostruzioni infatti emerge che l'uomo stava trascorrendo la notte nell'appartamento della convivente ma qualcosa non è andato come previsto. Vediamo però nel dettaglio le prime ricostruzioni delle forze dell'ordine.

La lite con i figli

L'omicidio è avvenuto nella provincia di Cosenza e in particolar modo nel comune di Diamante. L'uomo di origini rumene e di quarantadue anni stava trascorrendo la notte con la sua compagna quando sono sopraggiunti i figli della signora insieme al genero.

Pubblicità
Pubblicità

Il rumeno ha così deciso di nascondersi in cucina ma non appena i tre sono arrivati nell'appartamento è iniziata una lite molto violenta con la pensionata. La 69enne voleva probabilmente tenere nascosta la sua relazione con il rumeno perché a quanto pare difficile da accettare per i figli. Nella foga e presi dalla rabbia i tre hanno cominciato a picchiare in maniera selvaggia il compagno della madre estraendo anche un arma. Si tratterebbe di un coltello a serramanico che i tre avrebbero usato per colpire l'uomo nell'inguine, fianco e nel volto. L'anziana sessantanovenne avrebbe così chiamato immediatamente le forze dell'ordine.

Gli aggressori si sono immediatamente allontanati dal luogo del delitto e così le forze dell'ordine si sono precipitate a cercarli. Dopo molte ricerche due dei tre aggressori, marito e moglie, sono stati trovati in un vicolo di Diamante dai carabinieri del posto insieme alla NORM di Scalea. Il terzo invece è stato dichiarato in stato di arresto a piede libero per lesioni personali aggravate in corso.

Pubblicità

L'anziana pensionata è invece affranta dal dolore per aver perso il suo compagno. Ulteriori dettagli sono in corso di accertamento da parte delle forze dell'ordine che sono state chiamate dopo l'omicidio. Per saperne di più vi invitiamo a seguire i nostri articoli cliccando sul tasto Segui in alto accanto al nome dell'autore dell'articolo. #Cronaca Cosenza