Se l'Europa prima sembrava lontana, ora non lo sembra più. È stata inaugurata, infatti, la sede della regione Calabria a Bruxelles, capitale del Belgio, alla presenza del Presidente della Regione Mario Oliveiro. Grande partecipazione e grande entusiasmo tra i presenti che hanno assistito alla conferenza tenuta dal Governatore Mario Oliveiro che ha detto, secondo quanto riporta il Quotidiano del Sud, che la sede inaugurata è importante perché "qui si costruiscono le relazioni europee dalle quali non si può prescindere per affrontare i problemi che in sede regionale sono tanti".

E la Calabria, si sa, è piena di problemi tra le quali spicca quello della criminalità ma anche quelli dovuti a vere e proprie calamità naturali.

Pubblicità
Pubblicità

Molti avranno ancora in mente la terribili immagini dell'alluvione che ha colpito la regione causando danni inimmaginabili dovuti al maltempo che pochi giorni fa si è battuto di nuovo in questa terra colpendo diverse zone ioniche

La Calabria e i fondi europei

L'inaugurazione della sede regionale della Calabria a Bruxelles può avere notevoli ripercussioni nell'economia della regione. Si possono sfruttare al meglio, per esempio, i fondi europei che ogni anno la comunità distribuisce in Italia per il Mezzogiorno. In questo modo, dunque, si cerca di dare un contributo allo sviluppo di questa regione. L'economia della Calabria si basa soprattutto sull'agricoltura e questi fondi sono anche dedicati a questo settore, ma non vengono sfruttati come si deve. L'ultima magnifica proposta che arriva dal politico Mirabelli sicuramente darà una scossa all'economia favorendo soprattutto l'imprenditoria giovanile nell'agricoltura.

Pubblicità

I giovani potranno finalmente avere un lavoro.

Ritornando all'inaugurazione della sede regionale della Calabria a Bruxelles bisogna aggiungere che il Presidente Mario Oliverio, davanti a molti presenti giunti anche dalla regione per questo evento, ha dichiarato che la sede è importante per "lavorare gomito a gomito con altre regioni d'Europa per progetti comuni". #Unione Europea #Politica Cosenza