Riapriamo la nostra rubrica dedicata alla provincia di Cosenza per parlarvi di una nuova delibera che è stata emessa dal comune per far fronte alla situazione dei rom. Come i cosentini ben sanno, i rom sono ormai da tempo fissi in una tendopoli costruite nel pressi di Vagliolise. Adesso per loro è arrivata una proposta interessante da parte del comune e dal sindaco Mario Occhiuto. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta e cosa pensano i diretti interessati della proposta.

Un sussidio ai rom

Nella tendopoli sono i cronisti a portare la bella notizia dell'incentivo fornito dal comune. Occhiuto infatti vuole stanziare una somma pari a 600 euro per nucleo familiare più trecento euro a testa.

Pubblicità
Pubblicità

Si tratta di un aiuto abbastanza sostanzioso che le famiglie rom dovranno utilizzare per cercare una residenza e una sistemazione autonoma. tuttavia per qualcuno di loro sembra troppo poco quanto Occhiuto vuole dare. In molti infatti hanno affermato che per un affitto è necessario versare prima un anticipo e dunque i soldi non bastano. Altri invece hanno le idee più chiare e pensano di prendere i soldi stanziati dal comune per poi ritornare in Romania. Mote sono le famiglie che si trovano nella tendopoli ed adesso stanno facendo i conti per vedere se la proposta del primo cittadino di Cosenza è veramente conveniente. Alcuni hanno affermato che i soldi non bastano anche perchè lì ci sono bambini e mantenerli costa molto. E poi chi gli darà le spese per il riscaldamento? Questa è una delle domande ricorrenti.

Pubblicità

Le parole di Occhiuto

Quelli censiti sarebbero circa trecentomila e da circa tre mesi si trovano a Vagliolise, nel campo per loro allestito. Ci sono alcuni di loro che rimpiangono addirittura le loro baracche al fiume. Da parte del comune invece arrivano le parole di Mario Occhiuto, il quale afferma che questa è l'unica soluzione per il problema. Dall'altra parte però Marco Ambrogio del Pd ha affermato che porterà la delibera al cospetto della corte dei conti. Come finirà la vicenda? In attesa di nuovi dettagli vi invitiamo a cliccare sul tasto Segui in alto. #Cronaca Cosenza