Un brutto incidente è avvenuto nella giornata del 19 ottobre 2015 in Calabria. Si tratta di un brusco tamponamento a catena avvenuto sull'autostrada A3 e che ha coinvolto ben quattro vetture. Il tutto è avvenuto nel tratto di autostrada che ormai è noto come teatro di molteplici incidenti nel corso dell'anno, ossia tra gli svincoli di Montalto Uffugo e Rende. Per fortuna non ci sarebbero state gravi conseguenze per i conducenti e gli occupanti dei veicoli anche se è stata vittima dell'impatto una donna in attesa di un bambino. Vediamo nel dettaglio la prima ricostruzione dell'accaduto.

Tamponamento a catena

L'incidente sarebbe avvenuto verso le ore 13 del 19 ottobre 2015 lungo l'autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria nella corsia in direzione nord.

Pubblicità
Pubblicità

L'impatto sarebbe stato molto violento e avrebbe fatto temere subito il peggio. Per fortuna però le conseguenze non sono state gravi anche se è rimasta ferita una donna in attesa. La signora incinta è stata immediatamente trasferita al Pronto Soccorso dell'ospedale civile Annunziata dove ha fatto gli accertamenti di routine per verificare le sue condizioni e quelle del feto. Per fortuna le sue condizioni non sono gravi. Sul luogo sarebbero immediatamente intervenuti sia i sanitari del 118 sia la polizia stradale, che ha cominciato a fare i primi rilievi per ricostruire la dinamica del sinistro. Inoltre avrebbero cercato di regolare il traffico per evitare ingorghi. Per qualche ora infatti la strada sarebbe rimasta bloccata anche per rimuovere i resti delle quattro vetture coinvolte. Lunghi disagi e code sono stati registrati per tutta la tarda mattinata.

Pubblicità

L'autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria, e precisamente il tratto tra i due svincoli in questione, resta una zona molto pericolosa. La polizia invita dunque alla prudenza per evitare serie conseguenze per sé e per gli altri. In attesa di ulteriori informazioni vi invitiamo a cliccare sul tasto 'Segui' posizionato in alto accanto al nome dell'autore dell'articolo che avete appena ultimato di leggere. #Cronaca Cosenza