Un terribile incidente sul lavoro è avvenuto il 28 ottobre 2015 nella regione Calabria. La tragedia è stata registrata nel comune di Trebisacce, nel cosentino, ed ha coinvolto un uomo di 54 anni residente con la sua famiglia a Albidona. Il signore era un operaio che lavorava per il rifacimento di un solaio. Da lì a pochi minuti la tragedia. Vediamo nel dettaglio la prima ricostruzione da parte delle forze dell'ordine che sono intervenute sul luogo.

Il crollo del solaio

L'uomo si chiamava Giuseppe Ferri ed aveva soli 54 anni. Si trovava a Trebisacce ed è morto mentre stava lavorando al rifacimento di un solaio di una struttura situata sul lungomare.

Pubblicità
Pubblicità

In particolare stava rimuovendo delle lastre di eternit e sarebbe rimasto schiacciato dal crollo del solaio stesso della pescheria. Immediatamente sarebbero stati allertati i soccorsi per cercare di salvare Giuseppe. L'elisoccorso si sarebbe precipitato sulla zona ma purtroppo i medici hanno soltanto potuto accertare il decesso. Il corpo dell'uomo infatti sarebbe rimasto sepolto sotto le macerie e sarebbe stato rimosso soltanto dopo qualche ora. In corso sono adesso le indagini da parte dei carabinieri che, sotto coordinamento del pubblico ministero di Castrovillari, Monica Manera, accerteranno le cause specifiche del crollo che ha portato Ferri alla morte atroce.

Una tragedia

La tragedia è stata immane e tanto è il dolore della famiglia. L'operaio infatti era padre di quattro figli e ha lasciato anche una moglie.

Pubblicità

L'intera famiglia è ora distrutta e piange il povero lavoratore. Soltanto grazie agli accertamenti da parte delle forze dell'ordine si potrà far luce su quanto accaduto e i familiari potranno avere giustizia. In attesa di nuovi dettagli sulla tragedia avvenuta nella provincia di Cosenza, vi invitiamo a cliccare sul tasto 'Segui' che è posizionato sulla parte superiore della pagina dell'articolo che avete appena terminato di leggere. Solo così potrete restare sempre connessi sulle notizie di cronaca nazionale e anche regionale.  #Cronaca Cosenza