Drammatico avvenimento è stato segnalato nella provincia di Cosenza e più precisamente nella località di Montalto Uffugo. Si tratta di un terribile incidente in cui si sono scontrati un furgone e un altro mezzo pesante. La collisione è stata così forte che un giovane ragazzo di 36 anni, passeggero, ha perso la vita. Vediamo nel dettaglio la prima ricostruzione delle forze dell'ordine intervenute sul posto dell'incidente e le condizioni di salute del conducente del furgone.

La dinamica del sinistro

La tragedia è avvenuta nella serata di sabato 3 ottobre 2015 nei pressi dello svincolo che porta al centro storico di Montalto Uffugo. Un furgone, guidato da un uomo di nazionalità italiana percorreva la strada verso il Centro storico della cittadina.

Pubblicità
Pubblicità

Al suo fianco viaggiava un ragazzo di 36 anni, un giovane di nazionalità rumena. Per cause ancora in corso di accertamento, il furgone sul rettilineo si sarebbe scontrato con un camion con sopra il carrello un trattore che era però parcheggiato. La collisione è stata molto violenta ed il furgone si sarebbe ribaltato. Sul posto sono immediatamente intervenuti i sanitari del 118 e i carabinieri di Montalto per ricostruire la dinamica. Inoltre è stato necessario anche l'intervento dei vigili del fuoco per estrarre il corpo del giovane dal mezzo. Per lui ogni tipo di soccorso è stato vano, il ragazzo era già morto. Il conducente del furgone invece è rimasto illeso ma sarebbe stato portato lo stesso all'ospedale per i dovuti accertamenti.

Il traffico è rimasto per ore bloccato e seri problemi per la viabilità ci sono stati su tutta la strada statale 19.

Pubblicità

Il traffico è stato monitorato dai vigili urbani e anche dalle guardie di vigilanza Codis. Per rimanere sempre aggiornati con le prossime notizie di cronaca cosentina vi invitiamo a cliccare sul tasto Segui posizionato in alto accanto al nome dell'autore dell'articolo. Così facendo potrete seguire la provincia di Cosenza in vari ambiti come ad esempio cronaca, sport, spettacolo e tanto altro ancora. #Cronaca Cosenza