Un terribile incidente si è verificato in Calabria nella serata del 15 novembre. La tragedia è avvenuta nel cosentino dove una donna è stata investita da una vettura guidata da un uomo. Il conducente le ha prestato i dovuti soccorsi e ha allertato i sanitari del 118 ma per il pedone non c'è stato nulla da fare. La signora è morta sul colpo. Vediamo nel dettaglio la prima ricostruzione del terribile impatto.

La grande tragedia

Il tutto è avvenuto nella serata di domenica 15 novembre sulla strada statale 18, sita nel cosentino nella località di Paola. Qui una donna, le cui iniziali sono E.C., stava facendo rientro a casa e stava attraversando l'incrocio tra la strada statale 18 e la strada statale 107.

Pubblicità
Pubblicità

Proprio mentre stava attraversando è sopraggiunta una macchina che l'ha investita ed uccisa. Secondo la prima ricostruzione data dalle forze dell'ordine, sarebbe stato proprio il conducente della vettura ad effettuare i primi soccorsi e ad allertare i sanitari del 118. Sul posto sono stati chiamati anche gli agenti della polizia stradale per effettuare i primi rilievi. I medici non hanno potuto fare niente per la vittima se non dichiarare il suo decesso. Per consentire le operazione di messa in sicurezza della strada e di rimozione del cadavere gli agenti hanno chiuso la strada al traffico. La vittima era una signora di 60 anni.

Gli agenti della polizia stradale adesso faranno tutti i rilievi del caso per accertare le effettive cause del decesso della donna e l'esatta responsabilità dell'uomo che era alla guida della vettura.

Pubblicità

C'è da dire anche che la strada che stava attraversando la signora è nota per essere scarsamente illuminata e che dunque la visuale, al momento dell'incidente, era davvero bassa. Grande il dolore dei familiari e di tutte le persone che conoscevano e stimavano la sessantenne. In attesa di ulteriori informazioni sulla dinamica dell'incidente, vi invitiamo a cliccare sul tasto Segui posizionato in alto accanto al nome dell'autore del seguente articolo di cui avete appena ultimato la lettura. #Cronaca Cosenza