Continua a far tremare la strada statale 106 in Calabria. Nonostante la richiesta di interventi e manutenzione, la "strada della morte" continua a mietere incidenti gravi. Un altro forte impatto è stato registrato nella giornata del 24 gennaio e il bilancio è nuovamente drammatico. Per fortuna non si contano morti ma si registrano ben sei feriti di cui tre sono in gravissime condizioni. Vediamo insieme la prima dinamica dell'incidente che è aggiornata alle ore 22.

Un impatto molto violento

Continuano a registrarsi vittime sulla strada statale 106. La zona interessata, stavolta, è situata nella provincia di Cosenza e con precisione lungo il tratto di Villapiana. Lo scontro è avvenuto tra due vetture di cui una si è ribaltata a causa del forte impatto frontale contro l'altro mezzo.

Pubblicità
Pubblicità

Da quanto emerso lo scontro è avvenuto tra una Land Rover con a bordo tre persone. Questa ha invaso la corsia opposta scontrandosi con una Mercedes occupata da altre tre persone. La Land Rover avrebbe proseguito qualche metro per poi ribaltarsi. Le tre persone che erano all'interno dell'abitacolo riportano delle preoccupanti ferite. Dalle ricostruzioni si contano ben sei feriti di cui tre in pessime condizioni. Questi ultimi sono stati trasportati con urgenza presso l'ospedale più vicino usufruendo dell'elisoccorso anche se il conducente della Land Rover è in pericolo di vita. Altre tre ambulanze sono intervenute sul posto per trasportare gli altri tre presso il nosocomio. Si tratta di un incidente davvero pesante.

Sul posto, oltre ai sanitari del 118, sono intervenuti anche i vigili del fuoco e la polizia stradale.

Pubblicità

Il traffico è rimasto a lungo bloccato ed è stato riaperto soltanto verso le ore 19 di domenica. Si attendono ora soltanto delle notizie dall'ospedale di Cosenza. Si ha infatti la speranza che i tre feriti gravi possano scampare alla morte e tornare a vivere serenamente. Ulteriori dettagli sull'accaduto emergeranno senza dubbio nelle prossime ore. Vi invitiamo dunque a cliccare sul tasto Segui in alto per saperne di più. #Cronaca Cosenza #cronaca nera