Arrivano importanti novità e dichiarazioni riguardo l'Università della Calabria e il progetto della metropolitana leggera. Si sta a lungo discutendo sulla creazione della metropolitana leggera che collegherebbe Cosenza all'Università. Molti i consensi e moltissimi i pareri discordi tanto che si è giunti anche a firmare delle petizioni. In merito alla metro si è espresso il rettore dell'Unical, Gino Mirocle Crisci, che ha mostrato la possibilità di trasferire a Cosenza alcune strutture dell'ateneo.

Le dichiarazioni del rettore

Presso una conferenza alla sede della Provincia, il rettore Crisci ha affermato che c'è una seria possibilità che l'Università della Calabria abbia una 'filiale' nel centro storico di Cosenza. Il rettore ha parlato infatti dell'idea di spostare a Cosenza Vecchia un dipartimento o una magistrale dell'ateneo.

Pubblicità
Pubblicità

Il rettore ha precisato che, essendo un campus, nessuno è contrario all'apertura di una sede nel centro storico, ma ovviamente devono esistere i presupposti per farlo. Presupposto essenziale è proprio la metropolitana leggera. Secondo Crisci è impensabile spostare delle strutture se poi non è possibile arrivarci. Il centro storico infatti non potrebbe sopportare il traffico di centinaia e centinaia di macchine. Come il rettore afferma, è anche vero che i cosentini non sono propensi al cambiamento.

I dissensi sulla metro e sul progetto

Ad intervenire sulla metropolitana leggera è stato anche il presidente dell’associazione Dossetti Paolo Palma, che ha definito il progetto inutile e antieconomico. Secondo quanto riporta il portale online quicosenza.it, si sarebbe potuto pensare inoltre di trasferire il DAMS a Cosenza Vecchia anche se l'idea non è affatto piaciuta visto che il centro storico già gestisce gli studenti del Conservatorio di Porta Piana.

Pubblicità

Riuscirà il rettore a portare a termine il progetto oppure non ci sarà nemmeno la metropolitana leggera? Ulteriori dettagli sull'argomento emergeranno comunque nelle prossime settimane. Per saperne di più vi invitiamo a cliccare sul tasto Segui in alto. #Università #Politica Cosenza #Cronaca Cosenza