Continua a tremare la terra in Calabriadue forti scosse di #Terremoto sono state avvertite dalla popolazione di Cosenza nella mattina del 4 aprile 2016. Le scosse sono state due, con epicentro quasi identico e con la stessa magnitudo. Secondo i dati rilevati dall'istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia, i due sismi hanno avuto una magnitudo 2.5 della scala Richter. Ma vediamo tutti i dettagli che sono emersi.

Il primo terremoto

Il primo evento sismico è stato registrato dalla Sala Sismica INGV di Roma alle 9:56, ora italiana. Il terremoto è stato localizzato alle seguenti coordinate geografiche: latitudine 39.75 e longitudine 15.95.

Pubblicità
Pubblicità

La profondità è stata di 35 chilometri. Si è trattato di un evento superficiale che dunque ha consentito ai cittadini di avvertire la scossa. Diversi i comuni che hanno avvertito il terremoto. In particolare si segnalano i comuni di Verbicaro, Grisolia, Orsomarso, Maierà, Buonvicino, San Donato di Nina e Santa Maria Del Cedro. Sebbene più distanti dall'epicentro, hanno avvertito la scossa anche i comuni di San Sosti, Diamante, Acquaformosa, Scalea, Papasidero, Sant'Agata di Esaro, Belvedere Marittimo, Mottafollone e altri limitrofi. La scossa è stata localizzata a 57 chilometri a nord ovest di Cosenza, 92 chilometri a nord ovest di Lamezia e 100 chilometri a sud di Potenza.

La seconda scossa

La seconda scossa è stata registrata alle 10:15, ora italiana. L'epicentro è stato sempre nella provincia di Cosenza ed in particolare alle seguenti coordinate: longitudine 15.93 e latitudine 39.75.

Pubblicità

La profondità è stata di 32 chilometri. Ad avvertire la scossa sono stati gli stessi comuni che hanno avvertito la prima. L'evento sismico è stato registrato a 58 chilometri a nord ovest da Cosenza, a 93 chilometri a nord ovest di Lamezia Terme e 99 chilometri a sud di Potenza. Vi ricordiamo che la situazione è sempre monitorata dall'istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia che sul proprio portale ha una lista sempre aggiornata degli ultimi terremoti. #Cronaca Cosenza