Arrivano belle notizie dalla provincia di Cosenza ed in particolare dall'Università della Calabria, sita a Rende.  Importanti ricerche sono state condotte ed in particolare sono state effettuate importanti scoperte contro l'HIV. Le ricerche sono state svolte con la collaborazione anche di di diversi istituti di ricerca ed in particolare con il dottor Nicola della Ca', dell'Università di Parma e della dottoressa Beatrice Macchi dell'Università di Roma. Hanno collaborato al progetto anche il professor roberto Romeo dell'Università di Messina e il dottor Antonio Mastino del CNR di Roma.

Scoperte delle nuove molecole contro il virus HIV

La mancanza di vaccini che siano in grado di trattare o prevenire l'HIV richiedono sempre più una maggiore domanda di nuove terapie farmacologiche.

Pubblicità
Pubblicità

 Servono sempre più delle terapie che non siano dannose, tossiche e che siano soprattutto efficaci. Le ricerche che sono state condotte dal team hanno permesso di riscontrare dei principi attivi importanti che hanno un grado di tossicità molto basso e che possono essere usati in modo prolungato sui pazienti che hanno contratto l'HIV. Dai test fatti in vitro è emerso come ci sia un rapporto molto favorevole tra tossicità e attività anti-HIV. In alcuni casi questo rapporto è persino più elevato rispetto alle molecole attualmente presenti.

Depositato un brevetto congiunto

In data 4 marzo 2016 è stato depositato un brevetto congiunto tra l'Università degli studi della Calabria, il CNR, l'Università di Messia e quella di Roma 'Tor Vergata'. Le ricerche non si sono però fermate e si evince che ulteriori studi potrebbero portare all'individuazione di molecole sempre più attive e per le quali sono previste anche sperimentazioni dal vivo.

Pubblicità

Si potrà così giungere ad un nuovo ed efficiente farmaco da utilizzare per il trattamento dell'HIV. Ulteriori dettagli sull'argomento emergeranno dunque prossimamente. Nell'attesa vi invitiamo a restare connessi con le nostre news cliccando sul tasto Segui in alto accanto al nome dell'autore dell'articolo di cui avete appena ultimato la lettura. #Università #Cronaca Cosenza #Cultura Cosenza