Arriva una svolta al terribile omicidio che si era consumato nella regione Calabria ed esattamente nella provincia di Cosenza. Una donna, lo scorso dicembre era stata uccisa e poi bruciata. Adesso i carabinieri hanno trovato finalmente gli elementi per dare una svolta a quel terribile evento arrestando il presunto assassino. Vediamo i dettagli che sono emersi e ricostruiamo la storia.

L'arresto

I carabinieri hanno arrestato un uomo di Scalea, Sergio Carrozzino, di 44 anni con l'accusa di aver ucciso la musicista e di averla poi bruciata. Il cadavere carbonizzato della donna era stato ritrovato lo scorso 12 dicembre a Belvedere Marittimo.

Pubblicità
Pubblicità

L'uomo è ora accusato di omicidio volontario aggravato e con occultamento di cadavere. Il tutto è avvenuto dopo l'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Paola su richiesta dalla procura della Repubblica. L'uomo era stato scarcerato nel 2015 dopo aver scontato ben quindici anni di carcere. All'epoca aveva ucciso il fratello del cognato della donna trovata carbonizzato a Belvedere Marittimo. Carrozzino è giudicato molto pericoloso.

L'omicidio della donna

Il corpo carbonizzato della donna era stato trovato in una vettura completamente bruciata in una periferia del comune di Belvedere Marittimo. Si tratta di una ragazza di origini brasiliane, Silvana Rodrigues De Matos, che aveva appena trentatré anni ed era una musicista. Il marito aveva denunciato la sua scomparsa poco prima perché la donna era uscita di casa dicendo che sarebbe andata a fare la spesa.

Pubblicità

Purtroppo però non aveva fatto più ritorno. Probabilmente è stata raggiunta dal suo assassino che le ha così tolto la vita. Secondo quanto emerso dalle indagini delle forze dell'ordine l'assassino avrebbe raggiunto al donna nel parcheggio del posto in cui si era recata a fare spese. Ovviamente emergeranno altri dettagli. In attesa di saperne di più vi invitiamo a cliccare sul tasto Segui che è collocato in alto accanto al nome dell'autore dell'articolo di cui avete ultimato la lettura. #Cronaca Cosenza