Un importante appello arriva dalla provincia di Cosenza. Una ragazza è affetta da una terribile malattia, la leucemia fulminante, ed ha bisogno di sangue e piastrine. L'appello viene lanciato dai genitori della giovanissima ragazza ma anche dall'istituto scolastico in cui la ragazza studia. Tutti le sono vicino e tutti la sostengono in questa lotta per la vita. Vediamo allora di cosa ha bisogno la giovane.

Necessità di sangue e anche di piastrine

Secondo quanto riporta il portale online montaltouffugonline.it, la ragazza ha bisogno di sangue proveniente da un gruppo sanguigno A oppure 0. Inoltre serve urgentemente anche una donazione di piastrine di tipo A oppure AB.

Pubblicità
Pubblicità

Nell'appello inoltre è specificato che si prediligono dei donatori abituali. È possibile effettuare le donazioni o direttamente all'intento del centro trasfusionale sito nell'ospedale civile Annunziata oppure presso la sede Avis di Cosenza che è situata di fronte alla stazione vecchia dei treni. Per informazioni più precise si potrà contattare Tiziana Migliano. La donna infatti organizzata gestione dei turni di donazioni. Ha fornito anche il numero di cellulare ossia 328-6289207.

La ragazza affetta da leucemia fulminante

La ragazza che è affetta da questa grave malattia è Annarita Scalercio. La giovane ha quattordici anni ed è di Montalto Uffugo. Dai dettagli che sono emersi, Annarita frequenta la terza media dell'istituto comprensivo di Montalto Scalo. Tutta la scuola si è messa a disposizione della famiglia e ha subito lanciato il messaggio per aiutare la ragazzina.

Pubblicità

Il paese e i compagni di scuola si stringono al dolore che i familiari della giovane stanno provando per la malattia. Ulteriori dettagli sulla vicenda emergeranno senza dubbio nelle prossime ore. Tutta la cittadinanza di Cosenza è ovviamente invitata a fare un gesto di solidarietà e ad aiutare la famiglia della giovane Annarita. In attesa di saperne di più vi invitiamo a cliccare sul tasto Segui posizionato in alto accanto al nome dell'autore dell'articolo. #Cronaca Cosenza