Una brutta notizia viene dalla regione Calabria ed in particolare dalla provincia di Cosenza dove è stato registrato l'ennesimo incidente. Il brutto scontro è avvenuto nella giornata del 16 maggio ed ha avuto brutte conseguenze. Due giovani ragazzi sono rimasti feriti in seguito all'impatto. Uno dei due feriti è una ragazza di ventinove anni che è rimasta incastrata tra le lamiere della vettura, ma anche il ventitreenne dell'altra automobile è stato estratto dalla vettura dai vigili del fuoco. Vediamo i primi dettagli che sono emersi in seguito all'intervento delle forze dell'ordine.

Brutto scontro: due i feriti

Il terribile impatto, avvenuto nella provincia di Cosenza il 16 maggio, è stato registrato sulla strada statale 106 nei pressi dello svincolo che conduce al camping di Corigliano Calabro.

Pubblicità
Pubblicità

Ad avere la peggio è stata una ragazza di Cosenza, R.D.M di ventinove anni. La ragazza, residente nei pressi dello stadio San Vito a Cosenza, viaggiava tranquillamente a bordo della sua Alfa Romeo 147. Era da sola nella vettura. La ragazza proseguiva da Sigari verso Corigliano Calabro quando, per cause ancora in corso di accertamento, si sarebbe scontrata contro una Punto. Quest'ultima stava per girare a destra in direzione del campeggio. La vettura era guidata da un ragazzo di ventitré anni di Corigliano. La ragazza, dopo l'impatto, avrebbe poi perso il controllo della vettura e si sarebbe schiantata contro il guardrail.

Sul posto è stato necessario l'intervento delle forze dell'ordine e dei vigili del fuoco del comune di Rossano. Questi hanno dovuto provvedere immediatamente ai aiutare i due giovani che erano rimasti intrappolati tra le lamiere delle automobili.

Pubblicità

I due sono stati poi soccorsi dai sanitari del 118. Tramite i soccorsi sono stati condotti presso il più vicino ospedale per le cure necessarie. Per la ragazza è stato necessario il ricovero. La polizia stradale ha raccolto tutti gli elementi necessari per poter valutare una più attenta dinamica di quanto accaduto e per attribuire le responsabilità del caso. #Cronaca Cosenza