Si registra un altro caso di sospetta malasanità in Calabria ed in particolare la zona interessata è la provincia di Cosenza. All'ospedale civile Annunziata un uomo di sessantatré anni era stata ricoverato la fine di aprile per un dolore intenso alla gamba destra. L'uomo si era rivolto così al pronto soccorso della struttura ospedaliera ma proprio qui ha trovato la morte. Vediamo i dettagli che sono emersi.

Repentini cambi di terapie

All'inizio i medici gli avrebbero diagnosticato un'infiammazione al nervo sciatico e avrebbero dato una cura per lenire i dolori. Tuttavia, nonostante le cure, il malore persisteva e diventava sempre più intenso.

Pubblicità
Pubblicità

Così i medici hanno deciso di effettuare una visita neurologia e l'uomo sarebbe stato trasferito presso il reparto di Chirurgia Vascolare. Qui è stato subito sottoposto ad un intervento chirurgico. La sua situazione dopo l'intervento peggiorò sensibilmente e così i medici avrebbero deciso di riportarlo in sala operatoria per procedere con un secondo intervento. Quest'ultimo si rivelò fatale e l'uomo ha perso la vita in rianimazione. I familiari rimasero senza parole e affranti dal dolore non riuscendo a capire i motivi di questi repentini cambi di terapia. I familiari dell'uomo hanno sporto denuncia per capire cosa sia realmente accaduto all'uomo. 

Esame autoptico e riesumazione della salma

Nel pomeriggio del 18 maggio si riesumerà la salma dell'uomo per poter effettuare l'esame autoptico e poter così capire quali siano state le vere cause del decesso.

Pubblicità

Secondo quanto riporta il quotidiano online quicosenza.it, sono attualmente indagati i medici del pronto soccorso e quelli del reparto di chirurgia vascolare. Sono state sequestrate le cartelle cliniche, che adesso sono nelle mani degli inquirenti. i legali della famiglia hanno nominato dei periti che assisteranno all'autopsia. Ulteriori dettagli sull'argomento emergeranno senza dubbio nelle prossime ore. In attesa di saperne di più vi invitiamo a cliccare sul tasto 'Segui' posizionato in alto accanto al nome dell'autore dell'articolo di cui avete appena ultimato la lettura.  #Cronaca Cosenza