Si sa che i politici molto spesso rischiano la vita perché subiscono degli attentati. Succede in tutto il mondo ed anche in Calabria non mancano questi episodi. Questa volta la città interessata da un fatto di cronaca di questa portata è stata Cosenza dove un uomo politico molto conosciuto ed il figlio sono miracolosamente sfuggiti alla morte. Questo, purtroppo, è l'ennesimo fatto di cronaca nella città perché solamente pochi giorni fa un padre ha ferito il figlio con un martello.

La dinamica dell'agguato in una delle via più difficili di Cosenza

Nella giornata di ieri, intorno alle 21,30, Roberto Sacco ed il figlio ventenne si trovavano a bordo della loro auto in via Popilia, considerata una delle più difficili della città ed è nota per molti fatti di cronaca.

Pubblicità
Pubblicità

L'uomo, ex consigliere del comune di Cosenza, ed il figlio erano sulla loro Fiat 500 quando sono stati raggiunti da una vecchia Mercedes dalla quale sono stati esplosi almeno tre colpi di pistola che fortunatamente hanno soltanto danneggiato l'auto del politico. 

Le indagini delle forze dell'ordine e l'arresto dell'autore

Le indagini delle forze dell'ordine si sono concluse quasi subito e quindi si è potuto risalire all'identità dell'autore del tentato omicidio. Padre e figlio, infatti, hanno riconosciuto l'aggressore prima che si desse alla fuga e lo hanno denunciato alle forze dell'ordine. Si tratta di Filippo Rovito, di 51 anni, che - secondo gli inquirenti - aveva come obiettivo il figlio dell'ex consigliere del comune di Cosenza per futili motivi personali anche se dalla Questura non si fa nessun riferimento al vero movente.

Pubblicità

Ora Filippo Rovito viene accusato di tentato duplice omicidio.

Tentato duplice omicidio anche in provincia di Reggio Calabria

Un altro tentato duplice omicidio è stato compiuto in provincia di Reggio Calabria. A Platì, infatti, alcuni giorni fa due fratelli sono stati raggiunti da alcuni colpi di pistola. Per avere maggiori informazioni su questo fatto di cronaca, ecco la notizia di Andrea Fiorino. #Cronaca Cosenza