Terribile notizia giunge dalla regione Calabria ed in particolare dalla provincia di Cosenza. Qui una ragazza di trentuno anni è stata travolta e quasi uccisa da un'automobile. Le sue condizioni sono molto gravi e per questo è stata trasportata in ospedale con l'elisoccorso. Vediamo tutte le informazioni che sono trapelate in seguito al terribile incidente.

La ragazza è ricoverata in gravi condizioni

Il tutto è accaduto nel pomeriggio di oggi, 21 giugno 2016, sulla statale 18 a Campora San Giovanni. Adriana Barbarossa, una ragazza originaria di Udine, di trentuno anni, è stata travolta da un'automobile riportando così numerose e gravi ferite.

Pubblicità
Pubblicità

Le sue condizioni sono state giudicata immediatamente gravi ed è per questo che è stata subito trasportata all'ospedale con il mezzo dell'elisoccorso. La donna è così atterrata al porto di Amantea. In seguito all'impatto violento con la vettura, la ragazza ha battuto fortemente la testa contro l'asfalto provocandosi ferite profonde. I medici hanno subito valutato l'entità del trauma cranico per poter effettuare tutte le cure del caso. L'auto era guidata da un anziano signore di ottantuno anni che pare non si sia reso conto della presenza della giovane sulla strada.

Il suo corpo scaraventato per diversi metri

La ragazza è una volontaria che si occupa di assistere i disabili di un hotel del posto. Al momento dell'impatto si trovava sulle strisce pedonali esitava attraversando la strada per giungere all'hotel in cui presta servizio.

Pubblicità

Il corpo della giovane è stato scaraventato a diversi metri di distanza anche se, da quanto emerso, il conducente non stava guidando ad una velocità elevata. Al momento non emergono ulteriori dettagli sulle condizioni di salute della giovane. Sul posto sono intervenute anche le forze dell'ordine. Ulteriori dettagli su quanto accaduto emergeranno senza dubbio a breve. In attesa di saperne di più vi invitiamo a cliccare sul tasto Segui che è collocato in alto accanto al nome dell'autore dell'articolo di cui avete appena ultimato la lettura. #Cronaca Cosenza #cronaca nera