Tragico incidente nella regione Calabria ed in particolare nella provincia di Cosenza. L'impatto è stato mortale e ad avere la peggio sono stati due coniugi che sono morti sul colpo. Le cause dell'incidente sono ancora in corso di accertamento ma alcuni dettagli sono già emersi. La vettura è finita in un dirupo e le forze dell'ordine hanno lavorato per diverse ore per poterla recuperare. Vediamo le informazioni trapelate in seguito all'intervento delle forze dell'ordine e anche dei vigili del fuoco.

Auto finisce in una scarpata: due morti

Il tutto è accaduto ad Amantea, zona tirrenica del cosentino, nella giornata del 9 giugno 2016.

Pubblicità
Pubblicità

I due coniugi viaggiavano a bordo di una Fiat Punto ma, per cause che sono ancora da accertare, la loro vettura è finita in un dirupo. Secondo le prime ricostruzioni, non sono emersi segni di frenate sull'asfalto. L'incidente sarebbe avvenuto molte ore prima rispetto al ritrovamento della vettura e dei corpi. La macchina è stata rinvenuta nella scarpata intorno alle ore 16:30 da alcuni residenti della zona di San Procopio. Repentinamente sono stati chiamati i soccorsi ma i sanitari del 118 non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dei due coniugi. Stando a quanto dichiarato, i due sarebbero morti sul colpo. Sul posto si è reso necessario anche l'intervento dei vigili del fuoco per poter recuperare i corpi e la vettura nel dirupo. Ad effettuare i primi rilievi e le indagini sono stati i carabinieri del posto che hanno avviato le ricerche per poter ricostruire la dinamica esatta dell'incidente.

Pubblicità

I corpi delle due vittime sono stati già consegnati ai familiari. La donna aveva 77 anni mentre l'uomo ne aveva 87. Affranti i familiari delle vittime che piangono la scomparsa dei loro cari. 

Ulteriori dettagli sulla vicenda emergeranno nelle prossime ore in seguito alle informazioni che verranno rilasciate dalle forze dell'ordine. In attesa di saperne di più vi invitiamo a cliccare sul tasto segui posizionato in alto accanto al nome dell'autore dell'articolo che avete appena terminato di leggere. #Cronaca Cosenza #cronaca nera