Una terribile tragedia è stata registrata nella regione Calabria ed in particolare nella provincia di Cosenza. Un uomo dopo essersi tuffato in mare è morto annegato. Vediamo tutti i dettagli che sono emersi in seguito all'intervento dei carabinieri e dei soccorsi. Il tutto è avvenuto il 28 giugno 2016.

Si tuffa in mare e annega, forse un malore

L'uomo stava facendo il bagno in mare a Rossano. Probabilmente è stato colto da un malore improvviso e la sua vita è stata stroncata. Si tratta di un cittadino romeno, Paul Gevanov Badea ed aveva appena 45 anni. Il suo corpo è stato trovato privo di vita a Rossano, sulla spiaggia, nella località Pirro Malena. Alcuni bagnanti, dopo aver visto il corpo esanime, hanno immediatamente allertato i carabinieri che repentinamente sono giunti sul luogo.

Pubblicità
Pubblicità

La sua salma è stata portata presso l'obitorio di Rossano. Ulteriori dettagli su quanto accaduto emergeranno senza dubbio nelle prossime ore. In seguito alle operazioni e indagini delle forze dell'ordine emergeranno dettagli più approfonditi.

Altra tragedia a Guardia Piemontese

Un'altra terribile tragedia è stata registrata sempre a Cosenza, ma nella località tirrenica di Guardia Piemontese. Qui un bambino di appena sette anni è morto mentre giocava a pallone davanti la sua abitazione. Il piccolo, giocando, ha colpito con il pallone una vetrata. Questa si è frantumata e i vetri lo hanno colpito su tutto il corpo. Il piccolo è stato immediatamente trasportato, grazie all'elisoccorso, presso l'ospedale civile Annunziata di Cosenza. I medici hanno effettuato tutto ciò che era possibile per poterlo salvare, ma purtroppo non c'è stato nulla da fare.

Pubblicità

Il bambino, trasportato in ospedale il pomeriggio del 28 giugno, è morto il 29 giugno presso la struttura ospedaliera. Non sono state rese note le generalità del piccolo. Tutta la comunità di Guardia Piemontese si stringe al dolore e alla disperazione della famiglia che ha perso il bimbo troppo presto. Emergeranno dettagli sulla data dei funerali del piccolo angelo. #Cronaca Cosenza