Ogni anno in Italia si verificano migliaia di incidenti sul lavoro e questa volta un brutto incidente sul lavoro si è verificato in Calabria dove un giovane operaio rumeno è stato infilzato da una inferriata dopo una caduta, ma fortunatamente non è in pericolo di vita. Non è la prima volta che un operaio rumeno muoia in Calabria: alcuni mesi fa un altro ragazzo di giovane età è morto dopo essere precipitato dal viadotto Italia dell'Autostrada A3. Andiamo a vedere cosa è successo nel dettaglio.

La dinamica dell'incidente sul lavoro

L'incidente sul lavoro in cui il giovane operaio ha rischiato di perdere la vita è successo in Calabria, precisamente a Ricadi, un comune del vibonese molto conosciuto grazie alla frazione Capo Vaticano che attira moltissimi turisti.

Pubblicità
Pubblicità

Questa volta, però, la frazione interessata è Ciaramiti. L'operaio, nel primo pomeriggio di oggi, aveva appena raccolto un'inferriata sistemandola proprio accanto ad un palco, situato nella piazza centrale, sulla quale stava lavorando quando, dopo aver perso l'equilibrio, è caduto proprio su quella inferriata.

La caduta è stata di spalle e per questo motivo il giovane ha riportato delle ferite lacero contuse alla schiena ed alla spalla. Fortunatamente è stato subito soccorso e sono giunti anche i Vigili del Fuoco della stazione più vicina. L'ambulanza lo avrebbe trasportato all'ospedale più vicino ma, vista la situazione molto grave, è stato subito trasportato con l'elisoccorso agli ospedali Riuniti di Reggio Calabria. 

Indagano i carabinieri

Sul luogo sono giunti anche i Carabinieri della compagnia di Tropea, una cittadina non lontano da Cosenza dove giorni fa è accaduto un altro tragico incidente.

Pubblicità

Ora si dovrà indagare riuscendo a scoprire se il giovane operaio rumeno era in regola oppure stesse lavorando in nero. L'importante è anche capire se al momento dell'incidente l'uomo indossava le dovute protezioni previste dalla legge. Se desideri rimanere aggiornato su questo fatto di cronaca clicca sul pulsante Segui in alto a destra. #Cronaca Cosenza