Ennesimo incidente mortale in Calabria: un uomo, infatti, ha perso la vita sulla Strada Statale 106 Ionica nei pressi di Catanzaro. Si tratta di un incidente avvenuto ieri sera intorno alle ventuno, per cui in questo articolo andiamo subito a vedere la dinamica di questo terribile sinistro che ha provocato anche dei feriti di cui uno in gravi condizioni.

La vittina è Antonio Tarantino, 61 anni di Catanzaro 

Antonio Tarantino di Catanzaro, di 61 anni, è l'ennesima vittima della Strada Statale 106 Ionica. Più avanti vedremo perché questa strada è diventata tristemente famosa. Ora vediamo, invece, le dinamiche dell'incidente in cui l'uomo purtroppo ha perso la vita.

Pubblicità
Pubblicità

Antonio Tarantino si trovava a bordo della sua piccola automobile, una vecchia Fiat 600, e stava percorrendo la superstrada all'altezza di Catanzaro. Intorno alle ventuno di ieri, nei pressi dell'uscita Alli, l'uomo si è scontrato frontalmente con un furgoncino anch'esso della Fiat. Nell'incidente sono rimaste ferite altre due persone di cui una è stata trasportata con molta urgenza all'ospedale cittadino Pugliese Ciaccio poiché ritenuta in grave condizioni. Di quest'ultima persona non si hanno, al momento, notizie ma speriamo non sia in pericolo di vita.

La triste fama di questa importante strada della Calabria 

L'importante strada che percorre la fascia ionica della Calabria è sicuramente una delle strade più pericolose d'Italia. Questa strada è nota come "Strada della morte" perché da quando è stata costruita molte persone hanno perso la vita.

Pubblicità

Questo ha spinto alcuni cittadini a far nascere una associazione per iniziative al fine di limitare le vittime di questa strada attraverso un ammodernamento. 

Ogni anno su questa importantissima arteria molte persone perdono la vita. La causa di questi incidenti sarebbe l'alta velocità, la guida in stato di ebrezza e la mancanza di una segnaletica stradale adeguata. Questo fattori, dunque, rendono la strada in questione tristemente famosa tanto che percorrendola ci si può accorgere di quanti pericoli ci sono ai lati della carreggiata. #Cronaca Cosenza