Una brutta notizia giunge dalla regione Calabria ed in particolare dalla provincia di Cosenza. Nella giornata di oggi 16 luglio, intorno alle ore 13:00, una bambina di soli sei anni è stata investita da un'automobile. La piccola era con la sua famiglia al mare a Fuscaldo. Vediamo i dettagli emersi in seguito all'intervento delle forze dell'ordine e dell'ambulanza del 118.

Bambina di sei anni investita da una smart

Il tutto è avvenuto nella giornata di oggi 16 luglio. La dinamica di quanto accaduto è ancora da chiarire. In base alle prime testimonianze, la piccola era sul lungomare di Fuscaldo insieme ai suoi genitori. Potrebbe essere sfuggita un attimo dal loro controllo o stava per attraversare la strada.

Pubblicità
Pubblicità

Ancora non è chiaro. In ogni caso alle loro spalle è sopraggiunta una smart di coloro bianco che ha travolto la bimba. La vettura era guidata da un giovane ragazzo del posto. Da ciò che è emerso, la bambina, in seguito all'impatto, avrebbe anche infranto il parabrezza della vettura. Il ragazzo che guidava la macchina si è immediatamente fermato a prestare soccorso e anche alcuni passanti hanno aiutato il giovane. Immediatamente sono stati allertati i sanitari del 118, la bambina era vigile e cosciente.

L'impatto però è stato violento. La piccola è stata subito tranquillizzata in attesa dell'ambulanza. Poi è stata repentinamente trasportata presso l'ospedale di Paola in codice rosso. Sul posto sono giunti i carabinieri e la polizia municipale. In questo momento, le forze dell'ordine stanno raccogliendo gli elementi necessari per poter ricostruire la dinamica dell'incidente e capire come siano andate realmente le cose.

Pubblicità

Visto il grave danno fatto al parabrezza dopo l'impatto, si ipotizza che il giovane stesse viaggiando ad una velocità abbastanza elevata per il luogo in cui si trovava. La zona infatti è molto frequentata da bagnanti e turisti in considerazione dell'estate ormai avanzata. Ulteriori dettagli emergeranno in seguito alle ricostruzioni degli agenti delle forze dell'ordine. #Cronaca Cosenza