Tanta paura in pieno centro a Cosenza nella giornata del 9 agosto. La polizia di Stato infatti ha denunciato un trentaseienne che, in evidente stato di ebrezza, portava con sè un coltello di notevoli dimensioni. Il giovane camminava barcollando sul marciapiede. Vediamo tutti i dettagli che sono emersi in seguito alla ricostruzione delle forze dell'ordine.

36enne rumeno agita coltello di 30 centimetri per strada

Il tutto è accaduto a Cosenza nel primo pomeriggio del 9 agosto ma dettagli maggiori emergono in questi giorni. I cittadini di Cosenza, in via Lungo Busento Tripoli hanno segnalato la presenza del trentaseienne con un coltello molto grande.

Pubblicità
Pubblicità

Allarmati hanno avvisato gli agenti della Questura che sono intervenuti immediatamente. Questi hanno notato subito il giovane che aveva il coltello nella cintola dei pantaloni e che camminava reggendosi appena in piedi. Lo hanno bloccato  lo hanno subito disarmato. 

Si tratta di un cittadino di origini rumene che è stato poi sottoposto anche a perquisizione personale per accertare era in possesso di altre armi o oggetti pericolosi. L'uomo è stato portato subito in questura per essere identificato ed è stato denunciato. Era in possesso di un coltello di trenta centimetri di cui diciassette erano di lama. Il rumeno era anche noto alle forze dell'ordine. Egli infatti era già stato segnalato per diversi reati contro la persona. L'uomo è stato invitato a presentarsi presso l'Ufficio Immigrazione per adottare tutti i provvedimenti del caso.

Pubblicità

Le iniziali dell'uomo sono C.E. ed è stato denunciato per porto ingiustificato di strumento atto ad offendere. Tanta la paura dei cittadini di Cosenza che hanno temuto per la loro incolumità. Per fortuna gli agenti sono riusciti a fare del loro meglio e sono riusciti a evitare delle tragedie. Ulteriori dettagli su quanto accaduto emergeranno senza dubbio nelle prossime ore. In attesa di saperne di più vi invitiamo a cliccare sul tasto Segui posizionato in alto accanto al nome dell'autore dell'articolo di cui avete ora ultimato la lettura. #Cronaca Cosenza