Investita e uccisa da un camion: così è morta una donna a Siderno Superiore, un paesino in provincia di Reggio Calabria. La notizia è stata diffusa da tutti i giornali locali. Un altro incidente, dunque, che si è verificato nella Locride dopo quello di Santa Caterina dello Ionio in cui hanno perso la vita quattro giovanissimi ragazzi tra cui la ventiquattrenne Francesca Bressi. Di seguito ecco quello che c'è da sapere sull'incidente avvenuto a Siderno Superiore.

L'autista del camion non si è accorto della donna

Come ogni incidente stradale, anche quello che si è verificato a Siderno, che si trova in provincia di Reggio Calabria, è stato tragico.

Pubblicità
Pubblicità

Nessuno tra i presenti poteva immaginare che potesse succedere una cosa del genere anche perché l'autista del camion era solito fare manovra in quella strada poiché era addetto al rifornimento delle bombole di gas presso un noto esercizio commerciale del posto. Fatto sta che tutto è successo in pochissimi secondi e purtroppo per l'anziana signora non c'è stato proprio nulla da fare.

Dopo aver finito di scaricare le bombole, l'autista, aiutato da un collega, è salito sul camion per continuare il suo giro di rifornimento degli esercizi commerciali della zona. Purtroppo, però, nel fare manovra in retromarcia non si è accorto della donna e l'ha investita uccidendola sul colpo. Sul luogo erano presenti anche parenti ed amici della vittima che era conosciuta e ben voluta da tutti. La notizia ha fatti subito il giro dela cittadina anche grazie ai media locali.

Pubblicità

Sul luogo dell'incidente è intervenuto l'elisoccorso 

Subito la situazione è apparsa molto grave perché l'anziana donna non dava segni di vita. Così i presenti hanno chiamato i soccorsi che sono prima giunti con un'ambulanza ma, vista la situazione, i sanitari hanno chiamato in supporto l'elisoccorso che in pochissimi minuti è giunto dal vicino ospedale di Locri. Purtroppo, però, per la donna non c'è stato nulla da fare tra l'incredulità ed il grande dolore degli amici e dei parenti presenti. #Cronaca Cosenza