Una triste vicenda è avvenuta nella provincia di Cosenza. Si tratta di una donna che è stata molestata a Marano Marchesato, in pieno centro e in pieno giorno. Nessuno dei passanti l'ha aiutata, ma al contrario hanno riso e scherzato alle sue spalle. Vediamo tutti i dettagli che sono emersi su questa terribile vicenda. A riportare l'accaduto è il portale online quicosenza.it, a cui la vittima ha raccontato tutto minuziosamente.

Donna molestata da tre uomini

La vittima dell'aggressione è una donna di 34 anni, una mamma. La donna vive da quattro anni a Marano Marchesato e dopo aver raccontato il triste episodio si trova ancora in stato di choc.

Pubblicità
Pubblicità

La donna stava camminando a piedi in pieno centro per recarsi a fare delle lezioni private. Nella strada che incrocia anche un frequentato bar, la donna è stata incrociata da tre uomini. La loro età è compresa tra i quaranta e i cinquant'anni. Il tutto è avvenuto giovedì 29 settembre, ma i dettagli sono emersi soltanto ora. I tre hanno cominciato a guardarla e poi hanno pronunciato delle parole offensive su di lei ed a sfondo sessuale. La signora, spaventata, ha cominciato a camminare in modo più svelto, ma i tre l'hanno inseguita minacciando di violentarla. La donna ha denunciato il tutto ai carabinieri.

Nella giornata di oggi 3 ottobre, verso le ore 9:30, l'episodio si è ripetuto. La donna ha ricevuto nuovamente insulti pesanti e volgari. Per fortuna nei paraggi era presente una pattuglia dei carabinieri al quale la donna ha raccontato tutto.

Pubblicità

I carabinieri hanno tentato di acciuffare i molestatori, ma dei tre non si è trovata traccia.

La donna racconta a quicosenza.it di avere paura ad uscire da sola, per accompagnare la figlia a scuola o per recarsi sul posto di lavoro, nonostante lo abbia sempre fatto anche quando abitava a Cosenza. A microfoni del quotidiano online la vittima ha raccontato anche che i passanti, testimoni delle molestie, non l'hanno affatto difesa, ma al contrario l'hanno derisa girando la faccia dal lato opposto. #Cronaca Cosenza #Cronaca