Il giallo sulla scomparsa di Ylenia Carrisi potrebbe presto trovare una soluzione, seppur drammatica. È quanto emerso dalle ultime notizie giunte dall'America dove un super poliziotto ha ripreso in mano il caso con tutta l'intenzione di portare a galla la verità sulle sorti della figlia primogenita di Al Bano Carrisi e Romina Power. La ragazza sarebbe stata uccisa da uno spietato serial killer, ora nel carcere dell'Oregon? Se la chiave del giallo sarebbe da ricercare nel confronto del Dna, un'altra inquietante similitudine, emersa di recente tramite la trasmissione Chi l'ha visto, riguarderebbe i vestiti di Ylenia Carrisi e potrebbe riaccendere ulteriormente l'attenzione nazionale e non solo sulla scomparsa misteriosa della figlia di Al Bano e Romina.

Scomparsa Ylenia Carrisi: abiti a confronto, la verità nell'identikit?

Il caso della scomparsa di Ylenia Carrisi, a distanza di molti anni è tornato ad invadere la cronaca nazionale riaccendendo i riflettori sulla drammatica pista dell'omicidio. Un intraprendente poliziotto americano avrebbe ripreso le indagini sul giallo della figlia di Al Bano e Romina, rafforzate dalle dichiarazioni di un camionista e temuto serial killer che ora sta scontando tre ergastoli in un carcere dell'Oregon. Potrebbe essere proprio lui l'assassino di Ylenia Carrisi? Anche la trasmissione Chi l'ha visto, nell'ultima puntata del 25 novembre, ha aggiornato gli spettatori con le ultime news sul caso, mettendo in luce un confronto che celerebbe una inquietante somiglianza.

Il programma incentrato sui casi di #cronaca nera, ha messo a confronto due fotografie legate al giallo di Ylenia Carrisi: la prima, segnalata dagli spettatori, ritrarrebbe la primogenita di Al Bano e Romina Power, immortalata 25 anni fa insieme alle sorelle minori, Cristel e Romina jr, mentre la seconda è relativa all'identikit realizzato dalla polizia americana e relativo ad una misteriosa e giovane donna trovata senza vita in Florida nel lontano 1994.

All'identikit si sarebbe giunti dopo un attento incrocio tra il disegno di Keith Hunter Jesperson - presunto assassino di Ylenia - relativo ad una delle sue vittime e gli esami compiuti sul cranio della donna trovata senza vita.

Dal confronto tra le due foto sarebbe emersa una enorme somiglianza dei vestiti indossati dai soggetti principali, rendendo così possibile l'eventualità che la vera Ylenia Carrisi abbia potuto effettivamente indossare un capo a fiori come quello realizzato nell'identikit. Un altro sconvolgente dettaglio emerso, rivelerebbe inoltre come il vestito rappresentato nel disegno sarebbe simile anche a quello ritrovato addosso al cadavere della donna senza un nome. Si tratta solo di una coincidenza?

L'attenzione, al momento, sarebbe però tutta rivolta ai risultati del test del Dna, dopo che un campione appartenente ad Al Bano ed alle figlie minori è stato di recente inviato negli USA per un confronto con quello della donna sconosciuta. Sarà questo responso a fornire la risposta al dubbio che attanaglia da tempo l'intera famiglia Carrisi: Ylenia è stata uccisa senza pietà da uno spietato serial killer su un'autostrada in America? In attesa di ulteriori aggiornamenti sul caso e per maggiori news sui principali gialli ancora irrisolti, vi invitiamo a cliccare su 'Segui' sopra questo articolo.