Tornano a mobilitarsi i "Forconi del 9 Dicembre" guidati dall'ex Generale dei Carabinieri Antonio Pappalardo e Danilo Calvani, che da questa mattina hanno dato vita ad un presidio in Piazza Montecitorio, per chiedere le dimissioni del governo Gentiloni [VIDEO]. La #manifestazione non sembra particolarmente partecipata, tuttavia gli attivisti hanno trovato il modo per fare parlare di loro, andando a "notificare l'arresto" al deputato Osvaldo Napoli. Alcuni esponenti del movimento si sono avvicinati al politico e gli hanno detto che intendevano "arrestarlo" e consegnarlo ad un maresciallo dell'Arma dei Carabinieri. Alla scena hanno assistito alcuni uomini delle forze dell'ordine che inizialmente hanno assistito senza intervenire, ma in seguito hanno assunto le difese del politico, bloccato fisicamente dagli attivisti.

Pubblicità

Bloccano un politico, esplode la bagarre

L'eclatante azione di protesta è avvenuta nei pressi di Montecitorio ed è stata resa nota dalla pagina Facebook del movimento, che ha pubblicato anche un video che riprende la scena. Nel video, che vi proponiamo di seguito, si vede due attivisti avvicinare il politico, che si ferma ad ascoltarli, per "notificargli" un ordine di arresto che a loro dire proverrebbe dal popolo italiano e sarebbe legittimo. Quando il deputato ha provato a sottrarsi ed andarsene hanno provato a bloccarlo e trattenerlo, ed i Carabinieri presenti sono intervenuti a difesa del politico. Ne è esplosa una bagarre che non è dato sapere come sia andata a finire.

Un gesto che potrebbe avere delle conseguenze

Che i militanti non avessero intenzioni violente, ma che volessero realizzare un gesto simbolico e provocatorio appare evidente, visto che l'azione è stata perpetrata dinnanzi agli occhi attenti di alcuni Carabinieri. Tuttavia hanno cercato di bloccare fisicamente il politico, e nel caso che questo formalizzi una denuncia i protagonisti potrebbero passare un brutto quarto d'ora. Ma i #forconi 9 dicembre non sembrano preoccuparsene, e non arretrano di un millimetro: "andremo in commissariato a formalizzare l'arresto" annunciano, e promettono che faranno altre azioni simili.